martedì 27 marzo 2012

Tumore al seno: mai più la biopsia?




Potrebbe rappresentare la nuova frontiera per l’indagine soprattutto a scopo preventivo di un eventuale neoplasia al seno, stiamo parlando della elastografia, una tecnica che utilizza gli ultrasuoni e sulla base di questi riesce a localizzare eventuali neo formazioni nonché la consistenza dei tessuti molli, la morfologia e la resistenza di eventuali noduli o cisti presenti nel seno.


Ma se la stessa ecografia sfrutta, come si, sa gli ultrasuoni, che bisogno c’era ad affidarsi ad un’altra tecnica che sfrutta lo stesso principio? A detta dei ricercatori tale necessità è dovuta al fatto che tramite l’elastografia è possibile una diagnosi più precisa in quelle pazienti, per lo più giovani e che dunque presentano una maggiore consistenza dei tessuti mammari e per le quali il solo ricorso all’ecografia non assicura del tutto la certezza di un risultato diagnostico sempre attendibile.

C’è di più, a parere sempre degli studiosi, con l’elastografia è possibile scongiurare il più possibile il ricorso alla più invasiva biopsia, nel caso in cui si sospettasse un’eventuale neoplasia al seno, potendo così dare al medico un quadro clinico tale che il
ricorso all’esame bioptico, volto a stabilire l’eventuale presenza di un tumore benigno o maligno, sia riservata a pochissimi casi quasi del tutto isolati.

A tale conclusione sarebbe giunto uno studio accurato statunitense che ricorda anche che quasi l’80% delle lesioni alla mammella, sottoposte a biopsia, si rivelano benigne. Il riscontro che l’elastografia potrebbe non tanto sostituire ma affiancare la biopsia ce lo da il dato secondo il quale con tale tecnica è possibile discernere un adenoma, ad esempio, da un carcinoma, poiché il primo, di natura benigna si presenta più comprimibile rispetto al secondo, rappresentato da un tumore maligno, al punto che è già possibile stilare una sorta di classifica diagnostica che ci indica come 98 lesioni cancerose su 100 diagnosticati con l’elastografia erano correttamente identificati e l’82% erano ascrivibili a tumori benigni e non solo, sfruttando la tecnica relativa all’elastografia si poteva essere più certi dei risultati ottenuti molto di più di quanto si potesse fare con la sola ultrasuonografia. Se poi le due tecniche si sovrappongono, laddove ve ne fossero le indicazioni, la certezza diagnostica sarebbe pari, quasi, al 100% .

Ovviamente, anche in questo caso, l’ultima parola spetta al medico, l’unico in grado di discernere la necessità di un esame rispetto ad un altro.

Fonte: Radiological Society of North America, 2009


Nessun commento:

Posta un commento