venerdì 20 aprile 2012

Ictus: un aumento del 500 per cento se associato ad una patologia cardiaca particolare



La patologia cardiaca sottovalutata provoca un aumento del 500% del rischio di ictus e unisce le associazioni di medici  e di pazienti


Eppure ci sarebbe il modo per studiare strategie e soluzioni in grado di evitare la morte o la disabilità per milioni di europei a causa di ictus derivanti da fibrillazione atriale, una patologia che non viene diagnostica e curata a sufficienza e che rappresenta un potenziale rischio di morte.Soltanto in Europa, sono oltre sei milioni le persone che soffrono di fibrillazione atriale; si tratta di un'aritmia cardiaca ed è uno dei maggiori fattori di rischio responsabili di ictus, un evento che può provocare disabilità o  portare alla morte. La fibrillazione atriale  è caratterizzata da un ritmo cardiaco irregolare, con battiti spesso troppo veloci o troppo lenti, con conseguenti accumuli di sangue e formazione di coaguli che possono raggiungere il cervello e provocare  ictus gravi, spesso letali.

In un appello globale, le associazioni di pazienti e società scientifiche di tutto il mondo chiedono al pubblico, ai professionisti della salute e ai decisori politici di promuovere azioni in grado di evitare ictus gravi e devastanti correlati alla fibrillazione atriale. La popolazione viene incoraggiata a mostrare il proprio supporto sottoscrivendo
la Carta e visitando il sito web della campagna http://www.signagainststroke.com."Un numero troppo elevato di vite viene distrutto perché le persone non scoprono in tempo di essere affette da fibrillazione atriale, se non dopo essere state colpite da un ictus," ha dichiarato Mellanie True Hills, fondatrice e CEO di StopAfib.org. "Dobbiamo garantire alle persone che le diagnosi siano fatte prima e che le cure siano tempestive ed efficaci per gestire la fibrillazione atriale e per evitare gli ictus. Stiamo chiedendo alle persone di tutto il mondo di visitare il nostro sito web e di sottoscrivere la Carta per far crescere la consapevolezza di questa condizione potenzialmente mortale e debilitante, in grado di distruggere le vite."La fibrillazione atriale non ha limiti geografici, di sesso o socioeconomici ed è responsabile del 20% di tutti gli ictus provocati da coaguli del sangue.

La Carta del Paziente sottolinea la necessità di agire immediatamente"Ogni 12 secondi, una persona nel mondo viene colpita da un ictus correlato alla fibrillazione atriale," ha dichiarato Trudie Lobban MBE, Fondatrice e Trustee della Arrhythmia Alliance, nonché Co-Fondatrice e CEO della Atrial Fibrillation Association. "Tuttavia, a differenza della pressione alta o del diabete, molte persone non hanno mai sentito parlare di fibrillazione atriale. Si tratta di una condizione che aumenta il rischio di ictus del 500%; nonostante ciò, ricorrendo a diagnosi precoci e ad anticoagulanti appropriati,  la maggior parte degli ictus correlati alla fibrillazione atriale può essere evitata."Di importanza cruciale appare il fatto che gli ictus correlati alla fibrillazione atriale sono più gravi di quelli derivanti da altre cause. Ciò significa che le persone colpite da un ictus correlato alla fibrillazione atriale hanno minori probabilità di fare ritorno alle loro case e avranno maggiore necessità di assistenza da parte dei familiari o delle case di cura. Tuttavia, grazie a una maggiore attenzione a educazione, diagnosi e cura, è possibile ridurre l'impatto di questi ictus sugli individui, sul sistema sanitario e sulla società.


Gli ictus correlati alla fibrillazione atriale possono essere prevenuti ... quindi preveniamoli. 


Ufficio Stampa Immediapress 

Nessun commento:

Posta un commento