giovedì 17 maggio 2012

Cancro al seno: è vero che l'Aspirina e il paracetamolo lo provocano?


Il dubbio che poteva assalire qualche donna non era certo di poco conto, ovvero, potere immaginare di essere esposta ad un maggiore rischio di incorrere in un cancro al seno a sguito di un uso “generoso” di Fans (Farmaci antinfiammatori non steroidei) assunti per contrastare diversi sintomi, a partire dal ciclo mestruale caratterizzato per lo più da dolori diffusi.A rendere ancora più angosciante il dubbio, il fatto che ben sappiamo di come la donna, rispetto all'uomo, di norma sia maggiormente costretta ad assumere Fans, compreso il paracetamolo, non solo per via del ciclo mestruale, ma anche per il semplice fatto che il sesso femminile è quello maggiormente esposto al mal di testa, all'emicrania e alla cefalea in genere.




Dunque dubbio legittimo, si tratta di capire se i Fans in generale, al di là dei noti effetti collaterali detenuti da queste molecole, la gastrolesività in primis, i danni renali e quant'altro, avessero anche come controindicazione,
il maggior rischio per la donna di incorrere in una qualche neoplasia mammaria. Dagli ultimi studi effettuati non parrebbe proprio che tali farmaci detengano anche quest'altra indicazione, anzi, proprio queste molecole parrebbero detenere un'altra funzione, quella di proteggere la donna dal cancro al seno.
L'avrebbe dimostrato uno studio scientifico statunitense con lo scopo di chiarire se  il consumo di aspirina o di paracetamolo da parte di donne in premenopausa fosse più o meno correlato con la patologia e per giungere a qualche risultato attendibile si sono valutate 112.292 donne che avevano un’età compresa fra i 25 ed i 42 anni senza alcuna neoplasia al seno; l’indagine è andata avanti per 14 anni e durante tale periodo 1.345 donne sono incorse in un tumore al seno invasivo. I risultati cui sono giunti i ricercatori d'oltrecoeano hanno del tutto escluso dunque l'ipotesi di insorgenza di neoplasie mammarie annesse all'assunzione di Fans, sia per quelle che assumevano Aspirina, che per quelle che assumevano Tachipirina; analogo risultato si otteneva osservando quelle donne in cura con Fans loro somministrato con diverse posologie, anche alte.
In conclusione, questi dati suggeriscono che l’uso di Aspirina, altri farmaci antinfiammatori non-steroidei o Paracetamolo, non è associato a una riduzione del rischio di cancro al seno tra le donne in premenopausa, né si può dire che l’assunzione di tali sostanza farmacologiche abbia aumentato il rischio di incorrere nella patologia neoplastica..
( Xagena2009 )







Nessun commento:

Posta un commento