venerdì 18 maggio 2012

Farmaci: rischio infarto e ictus con antinfiammatori



Sapevamo che i Fans, ovvero, i farmaci antinfiammatori non steroidei, hanno fra i diversi effetti collaterali anche quelli rappresentati dall’aumento del rischio cardiovascolare, anche se bisogna dire che la possibilità di incorrere in eventuali reazioni avverse a carico dell’apparato cardiovascolare dipende dalla quantità


di sostanza assunta, dall’uso massiccio di tali farmaci, dalle condizioni generali del paziente e dalla sua predisposzione ad incorrere in eventi avversi di tale tipo. Resta da capire a questo punto, dei tanti farmaci esaminati, quali sarebbero maggiormente tollerati dall’organismo e quali meno in ordine ai rischi sopraccitati.

Per giungere a ciò si sono presi in rassegna un certo numero di Fans, effettuando uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Berna in Svizzera e rilevando che: Ai fini della sicurezza cardiovascolare si è rilevato che rispetto al placebo, Ibuprofene ( Brufen ), Diclofenac (Voltaren), Naprossene (Synflex), Celecoxib (Celebrex), Etoricoxib (Arcoxia), Rofecoxib (Vioxx), e Lumiracoxib (Prexige),Naprossene presenta il più basso rischio di reazioni avverse cardiovascolari. Ai fini dell’eventuale rischio di incorrere in un ictus, tutti i Fans sono potenzialmente a rischio ma Ibuprofene presenta il più alto rischio di ictus rispetto al placebo  seguito da Diclofenac. Il più basso rischio di ictus è stato osservato con il Naprossene. Più alta l’incidenza di un eventuale rischio di morte a causa di eventi avversi cardiaci
per Etoricoxib e Diclofenac, mentre più basso lo stesso rischio si avrebbe con Naprossene. Resta alto il rischio di infarto del miocardio con farmaci come  Etoricoxib  e per Diclofenac, ma il più alto rischio si è evidenziato con Rofecoxib e Lumiracoxib. I pazienti che sono stati monitorati nel corso dei 31 studi sono stati 116.429, in questi si sono avuti 554 infarti del miocardio, 377 ictus e 312 morti a causa di eventi cardiovascolari.



Fonte: British Medical Journal, 2011


Farma2011 Cardio2011 Reuma2011 Neuro2011



Nessun commento:

Posta un commento