martedì 5 giugno 2012

Ansia: è assodato, con l'esercizio fisico si riduce



Chi non conosce l’ansia. Forse meno nota è la sindrome se associata ad una patologia cronica ed in questo caso l’ansia si accentua assumendo a sua volta un momento delicato anche nella cura della malattia cronica di fondo. Ma oggi si è scoperto che in aggiunta a tutti quei presidi medici, per lo più farmacologici, rappresentati in primis dalle benzodiazepine, oltre al supporto che la psicoterapia può dare nel contrastare l’ansia, esiste anche dell’altro e, sicuramente più a portata di mano del singolo paziente.

Sembrerebbe infatti che l’esercizio fisico può migliorare, in qualche caso anche in maniera sensibile, l’ansia associata a malattia cronica. Per giungere a questo risultato si è fatto ricorso alla letteratura scientifica in generale, studiando almeno 40 articoli recenti che riferivano dei vantaggi dell’esercizio fisico nel contrasto dell’ansia associata a patologia cronica.



Nel studiare il fenomeno, gli scienziati hanno pure confrontato lo stato di quei malati che afflitti dalle stesse patologie, reagivano ad esse conducendo una vita sedentaria, gli uni, oppure praticando esercizio fisico gli altri. I risultati sono significativi e tutti a favore del grande beneficio indotto dal movimento fisico nel contrasto della malattia e dell’ansia associata. Occorre tuttavia sottolineare che non specificando gli scienziati il tipo di patologia associata all’ansia, chiunque fosse afflitto da una patologia cronica, prima di intraprendere un qualsiasi tipo di movimento ginnico o esercizio fisico in generale, dovrà consultarsi col proprio medico curante.

In ogni caso gli studiosi si riferiscono a  programmi di esercizio fisico di durata non superiore a 12 settimane, con sessioni di almeno 30 minuti, hanno portato a maggiori miglioramenti nello stato d’ansia. In conclusione, l’esercizio fisico riduce i sintomi d'ansia tra i pazienti sedentari che hanno una malattia cronica. ( Xagena2010 )

Herring MP et al, Arch Intern Med 2010; 170: 321-331

Nessun commento:

Posta un commento