domenica 3 giugno 2012

Bici: andare a lavoro in bicicletta fa più male che bene



Vai a lavoro in bici anzicchè a piedi, certo che così facendo arrechi vantaggio alla tua salute? Sbagli, eccome se sbagli…..  almeno secondo un recente studio londinese.

Pare infatti che raggiungere il proprio luogo di lavoro in bici, invece che a piedi, provochi un danno maggiore alla salute per bronchi e polmoni. Almeno a questo sarebbero giunti ricercatori londinesi che hanno discusso al Congresso della Società Europea delle malattie respiratorie che si è tenuto ad Amsterdam, degli eventuali danni per l’apparato respiratorio a causa dello smog delle città. 

Dallo studio sarebbe emersa la nocività causata dallo smog e dalle polveri sottili derivanti dalle auto sul sistema respiratorio, causa di gravi patologie quali enfisema polmonare, bronchite cronica e non solo, visto che recentemente è stata anche dimostrata un'azione scatenante per infarto ed ictus da parte delle particelle più piccole, classificate come "black carbon".
Queste infatti passano dai polmoni nel sangue e quando raggiungono le placche di depositi di grasso dentro le arterie (arteriosclerosi) scatenano l'infiammazione che a sua volta ne favorisce la rottura e l'ostruzione. Il risultato è stato chiaro: nei ciclisti la quantità di black carbon è risultata oltre il doppio (2,3 volte) rispetto a quella dei "pedoni". 

"L'esito raggiunto è estendibile a qualunque grande città europea”, spiega uno degli autori della ricerca, Chinedu Nwokoro che prosegue: “La maggiore quantità di black carbon nei polmoni dei ciclisti si spiega con la loro necessita di fare respiri più profondi e frequenti. E con la maggiore vicinanza, rispetto ai pedoni, ai tubi di scappamento”.
Fonte: Unione Nazionale Consumatori

2 commenti:

  1. ecco il titolo corretto
    "e dannoso fare attivita motoria in aree con grave inquinamento atmosferico"
    bella scoperta
    e come dire che bere acqua inquinata
    danneggia di piu chi a tanta sete

    RispondiElimina
  2. Grazie della dritta, peccato che nello stesso suggerimento, in meno di trenta parole, ci sono ben tre errori di grammatica :-)

    RispondiElimina