lunedì 4 giugno 2012

Infarto: alla larga se hai figli!


Avere figli, esporrà l’uomo e la donna, ma in questo caso ci interessa vedere gli effetti sull’uomo, a tutta una serie di preoccupazioni aggiunte e stress in continuazione ma, fatto sta, che secondo un recente studio scientifico, avere un figlio aiuta l’uomo a stare maggiormente alla larga dalle patologie cardiovascolari.

A questo risultato sarebbe giunto un gruppo di ricercatori della Stanford University School of Medicine, che ha effettuato un accurato studio scientifico sulla base di test e questionari consegnati in dieci anni ad un gruppo nutrito di volontari, per lo più pensionati.
I soggetti che hanno preso parte al lavoro scientifico, ben 135 mila persone, erano sposati ed in età riproduttiva e non avevano avuto mai in passato alcuna patologia cardiovascolare, così come nella loro anamnesi remota e prossima, non risultavano malattie quali ictus o altre malattie neurologiche di questo tipo. Inoltre, i volontari selezionati non dovevano presentare alcun impedimento organico alla riproduzione. Insomma, parliamo di volontari sani.

Sulla base dei riscontri ottenuti si è visto che l’infertilità è correlata alle malattie cardiovascolari, in qualche caso solamente latente, per il semplice fatto che la paternità è in grado di abbassare i livelli di testosterone, il principale ormone maschile. Testosterone che, oltretutto, tende ad abbassarsi ogni qualvolta si presenta una nascita o più nascite per ogni nuovo padre. Un sistema del tutto naturale che induce a più bassi livelli di testosterone ogni qualvolta si è verificata una nuova natalità per un uomo. Ma ci sarebbe anche dell’altro. Seguendo i passi della ricerca si sarebbe anche visto che ogni qualvolta un uomo procrea si abbassa l’incidenza delle malattie cardiovascolari non annesse all’avanzare dell’età. 

Secondo i ricercatori inoltre, mettere al mondo figli preserverebbe maggiormente in qualche modo dal rischio di malattie cardiovascolari anche perché l’uomo, una volta maggiormente responsabilizzatosi, mette in atto nuovi stili di vita più igienici e salutari, proprio per preservarsi meglio in salute ed essere più d’aiuto e per più tempo possibile, i propri figli.Ne deriva che se allarghiamo il campo includendo in questo anche le donne, è opinione sempre più diffusa a livello scientifico, che le coppie con figli vivono meglio e più a lungo di quelle senza prole.




Nessun commento:

Posta un commento