giovedì 28 giugno 2012

Mal di stomaco: perchè è più frequente nella donna

Il classico mal di stomaco, ma si potrebbe anche ricordare la difficoltà a digerire, l'acidità di stomaco, tutti sintomi spesso generici che possono al contempo invece essere espressione di una patologia gastrica in atto di ben altro tenore, ad indicare, ad esempio, una colite, un colon irritabile, persino una patologia da ipersecrezione gastrica con tutti i risvolti del caso, ma quel che più impressiona è un'altra caratteristica di questi stati a volte persino patologici, ovvero, che la donna più dell'uomo ne vada soggetta; ma perchè ciò accade?
Perchè la donna rispetto all'uomo ha un atteggiamento ben diverso nel confrontarsi con l'ansia e lo stress in generale, ovvero, reagisce in maniera del tutto diversa, emotivamente
ed a livello fisico a quelli che sono gli stimoli che le  provengono dall'esterno.
Una consapevolezza questa che ci proviene, oltre che dalle acquisizioni scientifiche a noi note, anche da un recente studio pubblicato sulla rivista Grastroenterology che ci da un dato per altro inquietante, ovvero, nel solo nostro Paese sono ben sette milioni in generale gli italiani che si confrontano ogni giorno con le malattie del digerente, ma la percentuale più alta di costoro appartiene al gentil sesso e, si badi bene, sono numeri in difetto, atteso che nelle forme più lievi il paziente si cura, magari sbagliando, in maniera grossolana, in proprio e senza ricorrere al medico. Ma lo Studio scientifico
americano ci palesa un'altra realtà importante, ovvero, che sia l'intestino che il cervello dell'uomo siano in qualche modo uniti fra loro da una sorta di doppio filo, ovvero, che abbiano alcune caratteristiche comuni al punto di interagire fra di essi scatenando la patologia.
Di questo avviso sono ricercatori intervenuti al Congresso Nazionale della Malattie Digestive tenutosi a Verona che ha riunito sotto l’egida della Federazione Italiana delle Società delle Malattie dell’Apparato Digerente (FISMAD)- cui hanno partecipato AIGO, SIED e SIGE- tutti gli specialisti che in Italia si occupano di malattie del fegato, pancreas e tubo digerente. Perchè ha assunto tanta valenza l'incontro veronese? Perchè note queste caratteristiche dei due organi, si potranno intraprendere anche percorsi terapeutici nuovi e sopratutto mirati alla cura di patologie che siano espressione non soltanto più di un solo organo ma di più apparati così tenacemente interconnessi fra di essi.

Nessun commento:

Posta un commento