mercoledì 25 luglio 2012

Massaggi da spiaggia: diciamo no!



Ci si auspica che i nostri connazionali quest’estate siano stati e continuino ad essere più accorti rispetto alle passate stagioni calde a proposito dei massaggi da spiaggia e trattamenti vari, gentilmente, anche se a volte insistentemente e maleducatamente proposti da cinesi, pakistani ed altri extracomunitari, una volta massaggiatori improvvisati, un’altra semplici “Vu Cumprà“. La verità è una sola…. Tali trattamenti da spiaggia effettuati da gente inesperta ed in condizioni igieniche precarie e con l’uso di sostanze di provenienza dubbia, fanno male, a volte persino malissimo!

Eppure le Leggi per vietare tali pratiche esistono, insieme alle varie Ordinanze stagionali, ma evidentemente anche gli stranieri quando sono in Italia hanno ben capito come ci si muove dalle nostre parti. La Legge esiste sicuramente, ma si fa presto a violarla, tanto, fra finto buonismo e tanta ipocrisia, il problema rimane in tutta la sua gravità.

Lo si vede tutti i giorni nelle nostre spiagge sempre più invase da improvvisati massaggiatori, petulanti ed a volte persino arroganti. Stranieri per lo più asiatici senza permesso di soggiorno che di fatto hanno monopolizzati i tratti di costa distribuendosi il mercato illegale. Eppure chi viene scoperto in flagranza, ovvero, il massaggiatore abusivo che viene colto nell’esercizio del suo lavoro, viene soggetto ad un’ammenda per esercizio abusivo della professione che può giungere fino a 2.500 euro, oltre al sequestro di tuta la sua mercanzia. Ma evidentemente tutto ciò non funge da alcun deterrente.

Prezzi allettanti, ma rischi sicuri

Il prezzo per un massaggio da spiaggia è sicuramente allettante, visto che va dai dieci fino ai venti euro a prestazione, tant’è che un massaggiatore abusivo riesce a portarsi a casa circa 200 euro al giorno, nel periodo in cui è maggiore la permanenza di bagnanti al mare. Ma il rischio per il malcapitato che si sottopone a certi trattamenti è alto. Si pensi alle verruche cui è possibile andare incontro, alle micosi (infezioni da funghi), alle infezioni varie alla pelle, fino a quei fenomeni allergici spesso in agguato, causate dall’utilizzo di sostanze prive di ogni forma di certificazione e per lo più costituite da intrugli sconosciuti.


Ma ci sono pericoli ancora più gravi in agguato. Basti pensare a coloro che manipolano le articolazioni per risolvere, a loro dire, dolori ossei, contrazioni muscolari e altre affezioni articolari. La possibilità di andare incontro a inconvenienti anche molto seri con danni nella zona cervicale è altissima, basti pensare soltanto che qualcuno ci ha rimesso persino la vita! Nei casi più lievi possono verificarsi traumi agli arti, in particolar modo a quelli superiori o a carico delle articolazioni del busto.

In ultimo e non certo per importanza, non possiamo di certo dimenticare gli altri rischi annessi a queste pratiche, ad esempio, le temibili scottature, quando vengano trattate aree estese di tessuto cutaneo con oli e unguenti da massaggio fotosensibili, o per i quali la pelle dimostri un certo grado di intolleranza. In questo caso, i rischi in agguato possono essere anche gravi, a volte gravissimi, rappresentati anche da allergie, che possono mettere in serio repentaglio la stessa vita del “cliente”.

E, alla luce di tutto quanto detto….. avete ancora voglia di un bel massaggio in spiaggia praticata dalla cinesina suadente di turno?

Nessun commento:

Posta un commento