venerdì 28 settembre 2012

Infarto cardiaco: un semplice test per escludere una tale malattia


Un paziente si presenta al Pronto Soccorso in preda ad un forte dolore toracico, il sospetto è quello di un infarto acuto, ma serpeggia anche l’idea che possa trattarsi di altro, ad esempio, di un’angina pectoris e, dunque, si perde tempo per la diagnosi. Ma oggi è tutto reso più un facile da un semplice test.

Tale test enzimatico è fornito dal Nice, National institute for health and clinical excellence britannico e consiste nel dosare i livelli di copeptina, un marker della vasopressina, che in caso di infarto si libera in grande quantità. La negatività a tale indagine potrebbe far escludere l’eventualità di un infarto.

Con tale test, opportunamente elaborato negli ultimi tempi, è possibile risparmiare tempo prezioso per la diagnosi di infarto del miocardio in forma acuta, spesso salvando in questo modo la vita del paziente. La Commissione autrice della bozza, ossia la Mtac (Medical technologies advisory committee) sostiene che i risultati di molti studi provano già l'efficacia del metodo ma che, comunque, occorreranno maggiori evidenze circa l'impatto clinico del test in caso di impiego routinario nel Servizio sanitario britannico (Nhs).

Nessun commento:

Posta un commento