mercoledì 17 ottobre 2012

Caffè: ci tiene davvero svegli e attenti?

-->

Da sempre al caffè sono attribuite doti come quelle capaci di tenerci svegli fino, addirittura, a non farci proprio dormire, soprattutto se bevuto a tarda ora. A questo punto ciò che ci si chiede è, è vero che il caffè è capace di tenerci svegli? E ancora, è vero che la bevanda nera è pure in grado di turbarci il sonno?

Bella domanda, la cui risposta rischia anche di essere mediata dalla consapevolezza che ognuno di noi detiene e che è quella di essere certi di queste proprietà del caffè. Conviene dunque, ancora una volta, affidarci alla scienza e vedere cosa dice nel merito. Secondo una recente ricerca scientifica pubblicata  su Cochrane database of systematic review, che ha raccolto tutta la letteratura scientifica più recente sull’argomento e che ha indagato su lavoratori che a turno svolgevano la loro attività la notte. A seguito di tale lavoro scientifico si sarebbe dimostrato che in effetti il caffè rende più svegli ma non più attenti, al punto che, se è vero che i lavoratori stavano più svegli durante il loro turno di notte, sicuramente non evitavano quegli incidenti sempre in agguato rispetto a quei colleghi che non avevano assunto caffeina.  

Se tutto ciò fosse confermato, tale acquisizione potrebbe mettere in discussione la “sana” abitudine di bere caffè quando vogliamo allontanare la sonnolenza e, soprattutto, quando vogliamo aumentare la vigilanza dovendoci impegnare in attività che richiedono attenzione, come, ad esempio, guidare di notte. A quanto pare il caffè, in questo senso, potrebbe essere addirittura deleterio. Senza contare, secondo quanto espresso dagli stessi ricercatori, che non è possibile esprimersi al meglio nel merito se non si annette all’assunzione del caffè il ruolo che la stessa alimentazione ha sugli effetti della bevanda.
 

Nessun commento:

Posta un commento