lunedì 22 ottobre 2012

Spazzolino da denti ad aria compressa: presto sostituirà quello classico


Lo spazzolino per lavarsi i denti potrebbe avere i giorni contati, ciò in quanto il classico arnese che usiamo più volte al giorno, potrebbe non adempiere al meglio al suo ruolo di pulizia e di allontanamento dei residui di cibo, placca batterica compresa. Il suo posto potrebbe prenderlo lo spazzolino ad aria compressa.

In effetti lo spazzolino da denti classico è davvero un po’ obsoleto, se si considera poi che
quando le setole non sono più nuove lo si continua ad utilizzarlo come fosse nuovo, con risultati scadenti. Senza considerare poi che anche i metodi di custodia dello spazzolino non sono esenti da contaminazioni batteriche. Anche il filo interdentale, pur se efficace, è spesso scomodo da usarsi, col risultato che, soprattutto quando si ha fretta, l’igiene dentale viene troppo spesso trascurata. 
Ma adesso la soluzione potrebbe essere lì, dietro l’angolo, grazie allo spazzolino ad aria compressa. Proprio in virtù delle funzioni detenute da questo innovativo spazzolino, è possibile spazzare non solo i residui di cibo, ma la stessa placca con poca fatica ed in poco tempo, qualche minuto appena. Per non contare che proprio grazie all’aria compressa e alle gocce d’acqua pressurizzata che tale spazzolino è in grado di “sparare” in bocca, è possibile allontanare quegli agenti in grado di provocare carie e altre patologie dentarie, che con il classico spazzolino da denti non sarebbe possibile prevenire. Senza contare un altro aspetto pure importante. Guardiamo l’acqua che siamo soliti consumare quando ci laviamo i denti lasciando aperto il rubinetto. Con lo spazzolino ad aria compressa basta un cucchiaio d’acqua per assicurare il getto del liquido pressurizzato.

Attualmente lo spazzolino ad aria compressa costa molto, circa 200 euro, ma essendo un ritrovato elettronico di ultima generazione, assisteremo col tempo ad una caduta del suo prezzo, con grande beneficio per la nostra salute e per la prossima bolletta dell’acqua. 

Nessun commento:

Posta un commento