martedì 9 ottobre 2012

Televisione 3D: no alla visione per le donne in gravidanza

-->

E’ vista dagli appassionati della tecnologia dell’ultima ora come il modo moderno di vedere la Tv e così, dopo il successo che il cinema le ha già ascritto, arriva anche nelle nostre case la televisionea 3D, quella che consente la visione dei film in tre dimensioni, in pratica come se ci trovassimo dentro la scena. Ma attenzione, questo modo di vedere la TV potrebbe essere sconsigliato per le donne in gravidanza e non solo per loro!

-->
A darne comunicazione non è un Istituto Scientifico come tante altre volte accaduto, ma la stessa Samsung, che nel suo sito appone tale importante controindicazione per le donne che aspettano un  bambino. E’ ovvio che per giungere a
--> sconsigliare la TV a 3D la stessa azienda si è dovuto rivolgere a degli studi medico-scientifici che sono giunti alla conclusione che le donne gravide dovranno astenersi dalla visione di un programma trasmesso da un televisore in 3D. La stessa controindicazione riguarda anche i soggetti che abusano con l’alcol, gli insonni o chi ha problemi di addormentamento. Secondo Samsung, in particolari condizioni, l’utilizzo di una tale tecnologia che consiste nell’esporsi ad una sequenza veloce e intermittente di immagini, espone al rischio di attacchi epilettici ed in qualche caso anche di ictusSi tratta allora di informarsi con il proprio medico nel caso sussistano eventuali controindicazioni all’uso della TV a 3D, ciò anche in considerazione che, fra gli effetti avversi della TV potrebbero anche esserci, problemi alla vista, stati di confusione, mal di testa, nausea e convulsioni. Proprio per evitare che dopo la visione si manifestino questi problemi, l'azienda invita anche a evitare di mettere la tv vicino a finestre, tavoli con oggetti o cavi stesi contro cui si potrebbe urtare in caso di vista annebbiata. 
Articolo Sponsorizzato per Opticalm

Nessun commento:

Posta un commento