giovedì 8 novembre 2012

Osteoporosi: segnalati casi, da confermare, di fratture dopo uso prolungato con due farmaci

-->

C’è un allarme per quanto concerne due farmaci anti osteoporotici del calibro di Fosamax e Boniva, i cui principi attivi sono rispettivamente Alendronato e Ibandronato. A segnalare il problema è stato un articolo pubblicato sul Journal of Bone and Mineral Reserach che avrebbe allertato i medici sull’aumentato rischio di incorrere in qualche frattura cosiddetta atipica*, in particolare del femore, dopo utilizzo di questi due farmaci. La notizia è stata ripresa anche dal CHMP, ovvero il Comitato di controllo per i medicinali uso umano.

E’ tuttavia d’obbligo segnalare il fatto che in atto non esiste nessuno studio scientifico giunto a compimento che possa dimostrare in maniera inconfutabile l’associazione fra la maggiore esposizione di fratture del femore e l’utilizzo a lungo termine dei farmaci sopra descritti, pertanto quanto di nostra conoscenza deve considerarsi una eventuale e possibile ipotesi e null’altro, almeno finchè gli studi nel merito non procedono. Spetta al CHMP valutare tutti i dati disponibili, compresi quelli pubblicati, quelli clinici e non clinici e quelli derivanti dalle segnalazioni post-marketing. E’ doveroso segnalare ciò per evitare l’eventuale decisione di qualche paziente in cura con Alendronato o Ibandronato di sospendere le terapie, magari all’insaputa del proprio medico curante, attesa l’efficacia di queste due sostanze farmacologiche. Da parte loro, le aziende produttrici temono eventuali avvertenze e precauzioni d’uso che fossero obbligate ad apporre nelle loro confezioni riguardante l’eventuale limitazione dell’ utilizzo dei prodotti. 

*Le fratture atipiche da stress (note anche come fratture da insufficienza ) della dialisi femorale prossimale, sono state riportate nei pazienti trattati per lungo periodo con Acido Alendronico ( nella maggior parte dei casi trattamenti da 18 mesi a 10 anni ).Le fratture atipiche si sono presentate dopo un trauma minore o nessun trauma, e alcuni pazienti hanno sofferto di dolore alla coscia settimane-mesi prima di presentare frattura completa del femore.
Le fratture erano frequentemente bilaterali; pertanto il femore controlaterale dovrebbe essere esaminato nei pazienti trattati con Acido Alendronico e che presentano una frattura diafisaria del femore. È stata anche riportata una non-buona guarigione di queste fratture. (Xagena)

Nessun commento:

Posta un commento