lunedì 10 dicembre 2012

Pressione alta: quanto incide la temperatura ambientale

-->

E’ un po’ il tormentone che i medici si sentono ripetere da persone anziane e/o ipertese in occasione delle visite mediche cui questi pazienti si sottopongono. E’ vero che al mutare  delle stagioni la pressione arteriosa varia? È vero che il caldo elevato ha la stessa incidenza del freddo sulla pressione? In effetti le conoscenze al riguardo sono tali da poter stabilire che, come accade a tante altre patologie, anche per quelle a carico del sistema cardiocircolatorio vale la stessa regola che vuole che le stagioni riverberano il loro effetto sulla salute degli apparati in questione, soprattutto in presenza di patologie.

-->
Ma a dar manforte a questa teoria oggi pensa anche uno studio statunitense che ha stabilito una netta correlazione fra le malattie cardiovascolari, ipertensione compresa e la temperatura esterna. Per giungere a poter stabilire ciò si è provveduto a studiare il comportamento di 8.801 soggetti tutte della stessa età o superiore a 65 anni nei quali si sarebbe assistito a variazioni pressorie in dipendenza delle stagioni dell’anno e della relativa diversa temperatura ambientale al punto che, all’aumentare della temperatura esterna si sarebbe assistito ad una diminuzione della pressione sistolica pari a 8 mmJg e, dunque, all'aumentare delle temperature si assisterebbe ad una significativa diminuzione della pressione. Lo studio è stato esaustivo per quei pazienti ipertesi con un’età uguale o maggiore a 80 anni ma dovrebbe riguardare anche pazienti più giovani. Ne deriva che durante le stagioni calde e, soprattutto nei giorni di massima temperatura, nel monitoraggio dei valori pressori e relativa terapia antipertensiva, si dovrà tenere conto dell’influenza della temperatura ambientale sui valori riscontrabili. Tale regola, come visto, vale maggiormente negli anziani, più sensibili dei giovani agli sbalzi pressori. 
-->

Nessun commento:

Posta un commento