lunedì 14 gennaio 2013

Diete: ecco come perdere due taglie in mezz'ora!

-->


Quando si dice prodotti miracolosi. Il messaggio pubblicitario del gel snellente Slim Size prometteva addirittura di far perdere “fino a 2 taglie in 30 minuti”, pari a qualcosa come 4 centimetri nel girovita. Il tutto con toni “assoluti” e “inverificabili”, evidenzia oggi l’Antitrust, che ha deciso due multe per complessivi 140 mila euro nei confronti della società The Direct Marketing Company S.p.a. e di New Life S.r.l., società distributrice del prodotto. La segnalazione era arrivata dal Codacons e dall’Associazione Istituto Pugliese Consumo: queste hanno segnalato che, dal 15 giugno 2011, DMC e New Life hanno pubblicizzato, mediante il sito internet www.slimsize.it e tramite una telepromozione, il gel “Slimsize”, con contenuti di dubbia veridicità.


-->
In particolare, nel messaggio diffuso via internet veniva attribuito al prodotto il vanto di garantire la perdita “*Fino a 2 taglie in 30 minuti, laddove l’asterisco contenuto nel claim rinviava ad una specifica, posta in calce alla pagina, secondo cui la perdita di taglie conseguite tramite l’uso del prodotto sarebbe stata comprovata da uno studio clinico effettuato presso l’istituto Ispe di Milano. Nella home page del sito si leggeva – dopo l’invito “Torna in forma per l’estate - che Slim Size Gel “…già dopo 30 minuti dall’applicazione riesce a far perdere fino a 4 cm nel girovita, donandoti un nuovo aspetto. La pubblicità promuoveva inoltre il prodotto come in grado di dare gli “stessi benefici di una dieta dimagrante senza più alcuna rinuncia da parte vostra” insieme a immagini di donne che invano stavano per fare attività fisica.


Una pubblicità palesemente ingannevole per l’Autorità Antitrust, per la quale “ le informazioni veicolate – con toni assoluti, peraltro inverificabili, nonché con l’avallo delle testimonial – collegano l’applicazione del prodotto con la possibilità di conseguire notevoli risultati (2 taglie), in tempi brevissimi (30 minuti)” con un effetto snellente immediato. Ma già alla prima analisi, spiega l’Antitrust nell’odierno bollettino, è evidente la scorrettezza della pratica commerciale: “Le prospettazioni dei risultati conseguibili appaiono prive di fondamento, in quanto è notoriamente riconosciuto in ambito scientifico che un prodotto cosmetico ad uso topico, peraltro nel caso di specie composto da sostanze naturali, non possa consentire a qualsiasi soggetto che presenti problemi di sovrappeso o di adiposità circoscritta di conseguire una riduzione localizzata precisamente individuata “2 taglie”, in tempi brevissimi, senza assoggettarsi ad un regime alimentare controllato, né svolgere attività fisica”.

L’Antitrust ricorda inoltre, come confermato anche dall’Istituto nazionale di ricerca per alimenti e nutrizione, che “non esiste alcun prodotto che permetta di conseguire un calo ponderale e un effetto snellente senza la necessità di seguire un regime alimentare controllato o di svolgere attività fisica”. Allo stesso tempo, non risulta dimostrata l’efficacia dell’azione anticellulite né quella dell’eliminazione dei grassi vantata dal gel “miracoloso”. Da qui la sanzione, pari a 60 mila euro per New Life e a 80 mila euro per DMC.
Agenzia Help Consumatori
-->

Nessun commento:

Posta un commento