mercoledì 6 marzo 2013

Miele: le incredibili e inaspettate proprietà di questa sostanza tutta al naturale



Un vero e proprio capolavoro della natura, un concentrato energetico dalle ottime proprietà terapeutiche. Stiamo parlando del miele, un prodotto naturale per eccellenza, realizzato, come ovviamente si sa, dalle api per trasformazione del nettare ricavato dai fiori e dalle piante. Il miele si trasforma nel prodotto finito grazie al rigurgito di un’ape nei confronti di un’altra e ad ogni passaggio, partendo dalla pianta dalla quale è stato ricavato il nettare, il prodotto subisce tutta una serie di modificazioni biochimiche prima di essere deposto nei favi presenti in tutti gli alveari. Proprio perché ogni pianta ha caratteristiche peculiari, il miele sarà diverso a seconda della pianta dalla quale ha tratto origine. E’ indubbio che i vantaggi che il miele apporta all’uomo sono innumerevoli, a partire dal fatto che il prodotto non richiede particolari sforzi al nostro organismo per essere digerito e assimilato in quanto viene assunto già in larga parte predigerito dalle api. Per quanto attiene le proprietà energetiche del miele è interessante osservare che parliamo di una sostanza altamente energetica in quanto concentrato in primis di monosaccaridi, ce ne sono 80 parti su 100 di prodotto, così come alta è la concentrazione di zuccheri, 10% di saccarosio e di acqua nella stessa misura e non solo ...

--> 
Sempre nel miele ritroviamo proteine quali l’albumina, la globulina e gli aminoacidi, oltre all’alta concentrazione di Sali minerali quali calcio, sodio, potassio zinco e diverse vitamine concentrate nella sostanza attiva, quali la vitamina C, la E, le vitamine del Gruppo B e la K, dalle spiccate proprietà antiemorragiche. Una buona quantità di acidi organici ed inorganici sono reperibili insieme ad altri componenti naturali in genere. Insomma, come si vede, non esiste in natura un pari energetico come il miele, per non parlare poi del fatto che difficilmente si è in grado di ricavare artificialmente un prodotto con elevate caratteristiche come avviene col miele.

Varietà e proprietà curative del miele

A seconda delle origini botaniche del miele lo stesso si classifica come miele uni floreale e mille fiori. Importante sottolineare il fatto che il miele va acquistato nella sua forma pura. Laddove trovassimo miele con aggiunta di conservanti, probabilmente trattasi di prodotto ricavato da aree geografiche extracomunitarie. Preferiamo dunque il miele di casa nostra!

I tipi di miele reperibili in commercio sono davvero tanti ed ad ogni tipo si riconoscono elevate proprietà terapeutiche. Seguiamole seguendo la classifica redatta dalla rivista scientifica “Doctor”.

Miele di abete

E’ ritenuto un ottimo antisettico polmonare e delle vie respiratorie è dunque indicato per curare le bronchiti, le tracheiti, le riniti e l’influenza. E’ in grado di produrre effetti antipiretici, espettoranti, spasmolitici. Possiede anche effetto deodorante ed è indicato in chi soffre di alitosi (alito cattivo).

Miele di acacia
Particolarmente indicato per lattanti e bambini, specie se hanno le mucose dell’apparato respiratorio e gastrointestinale infiammate, purchè non sia pastorizzato. Gli si riconoscono pure blande proprietà lassative.

 Miele d’arancio o di agrumi
Si attribuiscono proprietà antispasmodiche e sedative, che lo rendono consigliabile in casi di nervosismo, ansia ed insonnia. Ha potere cicatrizzante ed è indispensabile nel trattamento delle ulcere. Mescolato con tè ghiacciato è un ottimo dissetante.

Miele di eucalipto
Gli vengono attribuite proprietà antispasmodiche, anticatarrali, antiasmatiche, emollienti, calmanti della tosse, antisettiche delle vie respiratorie, delle vie urinarie e dell’intestino. Efficace contro la cistite urinaria, lo si usa anche come vermifugo ew cicatrizzante nelle affezioni della bocca.

Miele di biancospino
Viene ritenuto il miele dei ” cardiaci “, è dunque consigliato in caso di ipertensione arteriosa, palpitazioni, angina pectoris, arteriosclerosi, spasmi, convulsioni. E' pure indicato contro l'insonnia.

Miele di tiglio
Gli si riconoscono proprietà calmanti e antismasmotiche che lo mrendono consigliabile soprattutto in caso di nervosismo ed insonnia.

Miele di timo
È ritenuto un potente antisettico generale da impiegare in caso di pericolo di malattie infettive (periodo invernale) ma anche come disinfettante dei bronchi e dell’intestino.

Conclusioni

Come si vede le proprietà terapeutiche, grazie al contenuto organolettico del miele, sono davvero tante e ciò grazie al contenuto di polifenoli e soprattutto della glucosio-ossidasi un enzima che al termine della reazione chimica da esso prodotta determinerebbe la comparsa di acqua ossigenata e sarebbe proprio tale sostanza a conferire al miele l’attività antibiotica sopra descritta.  Ma i ricercatori avvertono anche come ” il miele debba considerarsi prima di tutto un alimento e non un farmaco sia pure naturale, ciò significa, come specifica il Servizio Dietetico dell’Azienda Ospedaliera Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, che l’attività del miele sulla salute è da ricercarsi negli aspetti nutrizionali più che in attività farmacologiche specifiche “.
-->

Nessun commento:

Posta un commento