venerdì 5 aprile 2013

Botulismo: scoperto l'antidoto che salva la vita




Conosciamo la tossina botulinica, lo spettro che si agita ad esempio nelle conserve alimentari malfatte o in quei cibi non adeguatamente preparati che una volta colonizzati dalla tossina botulinica risultano persino letali in chi li consuma. Fino adesso la medicina non aveva molte armi a disposizione per contrastare il grave pericolo per la salute del malcapitato assuntore di cibi contaminati. Ma adesso le cose parrebbero cambiare radicalmente, da quando è stata scoperta la vera e prima antitossina botulinica, un antidoto approvato dalla FDA americana che si oppone a ben sette sierotipi di tossina botulinica, ovvero la A, la B, la C, la D, la E, la F e la G.



--> Tale antidoto verrà iniettato a tutti coloro che presentano anche il solo sospetto di essere andati incorno ad una contaminazione con botulino. Il botulismo è una malattia rara ma grave causata da ingestione o inalazione della tossina botulinica, o da esposizione a tossina secreta dal batterio Clostridium in una ferita o nell'intestino.
I pazienti con botulismo sviluppano una grave debolezza muscolare che progredisce dalla testa al resto del corpo. Se non trattata, la malattia può progredire fino alla perdita totale della funzione muscolare e incapacità di respirare.

La tossina viene immessa sul mercato nonostante la sperimentazione sia stata eseguita solo su animali contaminati, ma parrebbe certo che possa funzionare bene anche in umana La sicurezza del farmaco è stata valutata su 40 volontari sani e monitorata in 228 pazienti trattati con l’antidoto nell’ambito di un programma gestito dai CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ).
Le più comuni reazioni avverse sono state: cefalea, febbre, brividi, rash, linfoadenopatia, prurito, nausea.

Dal momento che l’antidoto è prodotto da plasma di cavallo può causare reazioni allergiche e una reazione di ipersensibilità ritardata ( malattia da siero ) in persone sensibili alle proteine di cavallo. ( Xagena2013 )

Fonte: FDA, 2013


Neuro2013 Inf2013 Med2013 Farma2013
-->

Nessun commento:

Posta un commento