giovedì 4 aprile 2013

Celiachia: ecco i farmaci che stanno per sconfiggerla per sempre


-->


Potrebbe rappresentare un ottimo traguardo per i tanti celiaci nel mondo, nella sola Italia si contano qualcosa come 75 mila pazienti affetti da questa malattia, ma il numero è fortemente in  difetto, visto che si stima che almeno 500 mila persone sono affette da celiachia senza saperlo. La notizia riguarda la scoperta di una pillola da assumersi prima di ogni pasto e che di fatto annullerebbe gli effetti della malattia, eliminado gli effetti tossici determinati dal glutine verso il quale sono del tutto intolleranti i pazienti affetti da celiachia. Una notizia importante perché renderebbe la vita di questi pazienti del tutto paragonabile all’esistenza delle persone sane, compresi quei bambini che oltre che con la celiachia devono fare i conti con il diabete tipo1, pare che siano almeno sette su cento soggetti celiaci.

-->
Il farmaco in --> questione è l’AT1001 che si oppone efficacemente all’effetto del glutine in quasi il 90% dei casi. Tale farmaco è stato individuato dal gruppo guidato dal Dr. Fasano (Direttore del Centro per la ricerca sulla Celiachia dell'Universita' del Maryland e capo ricercatore della sperimentazione) e sviluppato dalla Alba Therapeutics. Secondo gli studi fino adesso svolti, l’AT1001 inibisce la proteina denominata zonulina che svolge un ruolo di custode nell’intestino aprendo e chiudendo le vie di comunicazione fra una cellula e un’altra consentendo il passaggio dei diversi nutrienti. Quando la zonulina viene prodotta in eccesso si aprono le strade verso la celiachia. Assumendo il farmaco anti zonulina prima di ogni pasto si impedirebbe che il glutine attraversi la barriera intestinale manifestando immediatamente i segni della malattia che nelle ultime fasi della sperimentazione ha dimostrato grande efficacia clinica, al punto che svilupperebbero la malattia soltanto 14 celiaci su cento fra quelli trattati con il farmaco anti zonulina. Ma questa sostanza farmacologia non è la sola in grado di contrastare efficacemente la malattia. Un altro farmaco è già all’orizzonte e, a dire dei ricercatori, sembra essere quanto mai promettente. 

-->
Si tratta di una molecola che degraderebbe il glutine al punto da renderlo inoffensivo e di fatto consentendo al celiaco di alimentarsi al pari delle altre persone. Altri farmaci e altre metodiche cliniche si stanno affacciando nello scenario dei sistemi che sconfiggeranno del tutto la celiachia. Uno di questi consiste nella modificazione degli amminoacidi della parte tossica del glutine per i celiaci. Un’altra strada è rappresentata da una sorta di modificazione della risposta dei linfociti T che sono responsabili dell’infiammazione dell’intestino anche con anticorpi realizzati in laboratorio. Ciò in quanto, se è vero che il soggetto celiaco può vivere una vita perfettamente normale al pari degli altri soggetti sani, vero è anche che per vivere in modo sano deve sottostare ad una dieta privata del glutine per tutta la vita. Infatti al soggetto affetto da celiachia non è consentito alcuno strappo alla dieta, visto che anche un pasto con cibo non privato del glutine è in grado di causare danni all’intestino tutt’altro che marginali.

Nessun commento:

Posta un commento