martedì 6 agosto 2013

Farmaci: gli anziani ne prendono troppi e con scarsa attenzione agli effetti collaterali






In Italia un anziano su due di eta’ superiore ai 65 anni, pari a quasi 7,5 milioni di persone, assume dai 5 ai 9 farmaci al giorno. Sono, invece, 1,4 milioni, cioe’ l’11% della popolazione anziana, coloro che assumono oltre 10 farmaci al di’. Lo attesta uno studio dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) che allerta contro i rischi di scarsa aderenza alla terapia e di effetti collaterali, evidenziando anche come da piu’ di dieci anni, oltre il 60% dei farmaci a carico del Servizio sanitario nazionale e’ utilizzato da persone anziane. 


Ne emerge come l’uso concomitante di farmaci che possono provocare delle interazioni dannose, pur coinvolgendo percentuali basse della popolazione anziana, in termini assoluti riguarda un numero elevato di pazienti. Circa 100mila hanno ricevuto associazioni di farmaci che possono aumentare il rischio di sanguinamento; altri 36mila pazienti sono stati esposti all’uso contemporaneo di due o piu’ farmaci che potenzialmente favoriscono l’insorgere di aritmie cardiache; 22mila sono esposti a pericoli di sanguinamento per uso contemporaneo di 3 farmaci pro-emorragici; 85mila (la popolazione di una media citta’ italiana) sono a rischio di insufficienza renale per uso contemporaneo di 3 farmaci dannosi per i reni.


“I dati sugli errori commessi dagli anziani nel seguire le terapie prescritte, che emergono dallo studio promosso dall’Agenzia del farmaco, confermano la necessità di potenziare il ruolo della farmacia dei servizi, in particolare per quanto riguarda il monitoraggio dell’aderenza alle terapie delle persone anziane e fragili” ha commentato il presidente di Federfarma, Annarosa Racca, secondo cui “La farmacia grazie alla diffusione capillare sul territorio, anche continua


qui

Nessun commento:

Posta un commento