venerdì 9 agosto 2013

I jeans che provocano la silicosi mortale





Il Novecento è stato il secolo del lavoro e sarà ricordato anche come il secolo che ha visto l’affrancamento del lavoratore da tante malattie professionali, causate appunto da alcune condizioni di lavoro. Una di queste è la silicosi, dovuta ad un’esposizione elevata alla silice cristallina libera.E’ interessante vedere il percorso che la società ha fatto per arrivare ad accettare il collegamento tra la malattia e determinate condizioni di lavoro; parte di questo percorso è stato ricostruito da Francesco Carnevale, presidente della Fondazione Michelucci, durante il convegno dedicato alla silicosi, che si è tenuto ieri a Roma, presso la sede dell’Inail

“La prima discussione sulla silicosi come malattia dei lavoratori risale ai primi anni dell’800, quando in Gran Bretagna morirono alcuni lavoratori che affilavano coltelli. Una secondo, violenta crisi si è avuta durante la ricerca dell’oro in Sudafrica nei primi anni del ‘900, quando sono stati introdotti alcuni martelli che producevano molta più polvere rispetto ai picconi. Negli anni ’30 c’è stata un’altra crisi importante negli Stati Uniti che ha colpito alcuni lavoratori che stavano costruendo una galleria per l’energia elettrica. In Italia, la prima crisi è stata tardiva: alla fine degli anni ’30 alcuni lavoratori hanno fatto una serie di cause ai datori di lavoro per essersi ammalati sul posto di lavoro e nel 1943, in piena guerra, venne emanata la legge sull’assicurazione da silicosi”.

 
Ma oggi la silicosi è ancora un problema attuale, soprattutto in alcuni paesi. La Turchia, ad esempio, dove la silicosi colpisce lavoratori giovani del settore tessile. Ebbene, se nel secolo scorso la silicosi uccideva in miniera o nei cantieri edilizi, oggi uccide nei laboratori continua

qui

Nessun commento:

Posta un commento