venerdì 16 agosto 2013

Tatuaggio all'Hennè: tutt'altro che innocuo!





Niente di più innocuo di un tatuaggio all’hennè, visto che parliamo di un trattamento temporaneo che è possibile asportare quando non lo desideriamo più. Niente di più sbagliato, invece, anche il tatuaggio all’hennè presenta dei rischi a volte anche seri.



L’allarme proviene dall’America dove la FDA ha stigmatizzato il rischio che si corre con uno di questi tatuaggi, rischio rappresentato da arrossamenti e bruciori persistenti, vesciche, lesioni, sensibilità al sole, bruciature e cicatrici indelebili, fino al ricovero in pronto soccorso. Le reazioni avverse possono comparire subito dopo avere effettuato il tatuaggio o a distanza di qualche settimana, e persistono nel tempo. “Solo perché un tatuaggio è temporaneo non significa che sia esente da rischi” ha spiegato l’esperta della FDA sottolineando che “l’henné è un colore rosso-marrone fatto con le polveri di una pianta che cresce nelle regioni africane e in Asia, ma i tatuaggi comunemente detti all’henné contengono anche altri componenti, come la p-phenylenediamine, che causano un gran numero di reazioni pericolose”.
Conclusione: si può cominciare a pensare seriamente alla possibilità di non  tatuarsi per nulla?
Fonte: Help Consumatori

Nessun commento:

Posta un commento