lunedì 31 dicembre 2018

Farmaci per dimagrire: ma ci possiamo fidare veramente?







Fino a quando la scienza medica non ci proporrà un rimedio assoluto, magari sotto forma di pasticche da assumersi una o più volte al giorno, capace di bruciare le calorie e tutto quanto partecipa al sovrappeso e all’obesità, dovremo ricorrere alla classica dieta, più o meno efficace e all’esercizio fisico per cercare di stare in forma. Perchè, a meno di non incappare in qualche patologia specifica, l’eccesso di peso è solo dovuto ad un equilibrio che non riusciamo a mantenere fra il cibo ingerito e l’energia utilizzata che spesso è di gran lunga minore delle calorie assunte.



domenica 30 dicembre 2018

Il pranzo è servito: le tante fake news propinate a tavola!




C’è poco da fare,basta poco, qualcuno che si alza di buon mattino rilasciando in rete o col passaparola una sonora fesseria ed in breve tempo quella che oggi amiamo tanto definire una fake news diventa una notizia virale e degna di rigore scientifico. E’ il pericolo che oggi corriamo con Internet, che per la verità ha colpe relative in questo circolo vizioso che si instaura, visto che ieri, quando Internet non esisteva, c’erano le legende metropolitane, che di danni ne hanno fatto senza fine. C’è poco da fare, è la natura umana che a volte ha bisogno di aggrapparsi al sentito dire o ha esigenza di credere al miracolo a tanto al chilo, per sentirsi meglio e la tavola non fa eccezione, anche perché, rilevare pericoli o proprietà terapeutiche eccezionali in questo o quell’altro cibo fa sicuramente molta presa. Ed ecco La top ten delle castronerie a tavola stilata da Coldiretti e dall’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare presentata in occasione della campagna #stopfakeatavola. L’elenco è lungo ma qualche riferimento a qualche ghiotta castroneria non guasta. Un esempio? l’ananas fa dimagrire…


sabato 29 dicembre 2018

Farmaci anti età: esistono eccome, ecco quelli più validi






Se si potesse non invecchiare tutti faremmo di tutto per evitarlo, ma purtroppo non è possibile arrestare il tempo, semmai è possibile giungere alla vecchiaia nel miglior modo possibile e questo lo sanno bene non tanto i consumatori quanto le case farmaceutiche specializzate nella produzione di farmaci e prodotti anti invecchiamento. Lo sanno tanto bene le industrie del settore che si dividono una fetta dei loro fatturati all’interno di una torta che comprende anche medicine in uso in geriatria e che vale solo in Inghilterra ben 45 miliardi di euro all’anno ed in Italia una percentuale della spesa sanitaria pari all’80% di tutte le risorse presenti. Quindi, la terza età è guardata con molto interesse, si tratta adesso di capire se i famosi composti geroprotettori, ovvero, capaci di farci invecchiare bene e se ne contano circa 200, sono veramente efficaci e se si, quali di questi svolgono al meglio laloro funzione.

Cancro al seno: il ruolo nocivo dell'alcol e quelle benefico della frutta




Quanto mai interessante uno studio britannico che ha coinvolto quasi 700.000 donne nell’ambito di un lavoro scientifico più complessivo durato quasi 20 anni e che ha riguardato una popolazione femminile di un milione e trecentomila donne all’interno di uno studio denominato Million Women Study. La conclusione di questa lunga e delicata ricerca medica ha portato a risultati sicuramente inaspettati, rappresentati in primis dal ruolo dell’alimentazione in una patologia temibile per le donne, quale il cancro al seno, ma non solo, lo stesso studio ha ben delineato il ruolo negativo dell’alcol in questa malattia.


venerdì 28 dicembre 2018

Celiachia: pericolosi i cibi per celiaci per chi non è celiaco





Se appartieni a quella fascia di italiani, uno su dieci, che pensa che senza averne bisogno, convenga mangiare cibi senza glutine per dimagrire e per star meglio, hai sbagliato i tuoi conti, anche economici, perché con la tua scelta insensata, partecipi ad una spesa inutile che è pari, dati dello scorso anno, a 105 milioni di euro per alimenti destinati solamente ai celiaci, che in mancanza delle condizioni che impongono questa scelta alimentare, si concretizza in una pratica perfettamente inutile se non addirittura dannosa.

giovedì 27 dicembre 2018

Non fai sport: mangi male e vai in sovrappeso



Gli studiosi ne sono sicuri, chi non fa sport non ingrassa soltanto perché non disperde energie, ma anche perché mangia male. La vita sedentaria infatti non si traduce soltanto in un accumulo di calorie e di grasso non smaltito, ma deve leggersi anche in un’alimentazione meno variegata, meno attenta di quella che si condurrebbe se si facesse vita all’aria aperta e sport in generale.

Latte d'asina: la vera risposta nutrizionale per i bambini gravemente prematuri






In Italia su 100 bambini nati, sei di loro sono prematuri, qualcosa come 30.000 neonati e di questi ben 5.000 non pesano più di un chilo e 400 grammi. Neonati che vanno ovviamente nutriti con latte umano e dove questo alimento non riuscisse ancora ad assolvere integralmente alle funzioni di nutrimento per la fragile vita del bambino prematuro, occorre aggiungere delle proteine ricavate dal latte vaccino. Ma da questo momento potrebbero palesarsi i primi problemi.



mercoledì 26 dicembre 2018

Dieta Mediterranea: e se funzionasse anche contro la psoriasi?






Anche un’alimentazione basata sulla dieta mediterranea potrebbe avere effetti positivi nella cura della psoriasi o per lo meno potrebbe risultare vantaggiosa nel decorso della malattia. L’hanno appurato ricercatori all’interno del programma NutriNet-Santè a seguito di uno studio effettuato in Francia.


lunedì 24 dicembre 2018

Morbo di Crohn: diremo addio ai biologici?




Forse è ancora presto per immaginare uno stravolgimento dell’approccio terapeutico nei confronti del Morbo di Crohn, ma forse qualcosa sta cambiando nei confronti di questa temibile malattia autoimmune, con l’avvento di un nuovo farmaco, ancora sperimentale, ma che nei prossimi mesi potrebbe fare la comparsa anche in Italia.