venerdì 30 marzo 2012

Osteoporosi post menopausa: approfondimento su innovativo farmaco Prolia, che pare contrastarla al meglio


Pare stia dando buoni risultati il farmaco sperimentale Prolia, il cui principio attivo e Denosumab prodotto da Angen, immesso sul mercato lo scorso anno ed autorizzato dalla FDA, l'Ente di controllo americano dei farmaci. Ci riferiamo ad un’innovativa molecola capace di bloccare quelle proteine che agiscono da vere e proprie cellule “mangiaossa” e che di fatto danneggiano fino a distruggere del tutto l’osso in caso di osteoporosi post-menopausale nelle donne a rischio di fratture o come avviene in quegli uomini affetti da carcinoma prostatico che siano in cura con terapia ormonale ablativa.



Gravidanza: gli esami consigliati dai medici


Che la gravidanza sia un fatto naturale è del tutto ovvio, che con la gravidanza la donna possa incorrere in determinate malattie che spesso la stessa maternità è in grado di slatentizzare è un fatto meno scontato, senza considerare che, a volte ed in soggetti particolarmente predisposti, proprio la gravidanza apre la strada a manifestazioni patologiche psicosomatiche la cui causa è ben rappresentata dall’ansia di tipo patologico.

Depressi: mal di cuore in agguato


Mens sana in corpore sano, dicevano i latini e se immaginiamo gli effetti disastrosi che la depressione, considerata a tutti gli effetti una malattia mentale, può determinare sull’intero organismo, forse ci stupiamo meno di come tale patologia sia in grado di infliggere danni, anche seri e alcune volte persino irreparabili sull’intero corpo a cominciare dall’apparato cardiovascolare.



giovedì 29 marzo 2012

Cistite interstiziale: antibiotici anche per questa forma


Riferendoci alla cistite e ricordando che parliamo di un’infezione del tratto urinario di cui maggiormente esposta è la donna, per ovvie ragioni anatomiche, non possiamo non citare anche la cistite interstiziale, anche questa patologia più diffusa nel sesso femminile rispetto a quello maschile.



Polmonite: sintomi, diagnosi e cura


Quando parliamo di influenza dovremmo riflettere su un dato incontrovertibile. L’influenza, sia che si presenti in forma più aggressiva, sia che si faccia troppo clamore rasentando il “procurato allarme” come accaduto qualche anno fa, sia che si presenti in forma lieve, resta pur sempre una malattia infettiva, contagiosa, a larghissima diffusione e che ogni anno, quando si smorza la sua carica, se ne va  col il suo carico di morti che immancabilmente si porta dietro. Significa tutto ciò che di fronte a questa malattia dovremo atterrire? Sicuramente no, però, per lo meno, potremmo anche meglio comprendere l’importanza che alla malattia riservano i medici quando ci ricordano i fattori di rischio che entrano in gioco nel determinare la gravità dell’infezione, così come, dovremmo mettere in atto tutte quelle precauzioni che potrebbero evitarci non tanto il contagio, cosa per nulla semplice da attuare, semmai le ricadute, ma ancor di più, le gravi conseguenze che talora la patologia presenta, una di queste, ad esempio, la polmonite.


Retinite pigmentosa: presto la cura con le cellule staminali

Una patologia di pertinenza oculistica tutt’altro che trascurabile la retinite pigmentosa, anzi, possiamo anche definirla una malattia grave per il semplice fatto che oggi la scienza è di fatto impotente nei confronti dell’evoluzione di tale malattia per la quale fino adesso non è prevista nessuna cura per arrestarla.

mercoledì 28 marzo 2012

Dentifrici: sono sicuri quelli per i bambini?


L’importanza dell’igiene della bocca è tale che si tende quanto mai ad iniziarla il più presto possibile, resta però il fatto che mai come in questi ultimi periodi i bambini sono divenuti il centro nevralgico dell’attenzione da parte dei fabbricanti di dentifrici che per far leva sui piccoli hanno puntato prima sull’aspetto del prodotto, variopinto, differenziato nei colori, con nomi utilizzati di facile presa sui consumatori, per definire il dentifricio e, successivamente, si è quanto mai attenzionata la palatabilità del prodotto, un fatto quest’ultimo essenziale, visto che se proponiamo al bambino un dentifricio sgradevole al gusto, molto difficilmente lo utilizzerà.

martedì 27 marzo 2012

Tumore al seno: mai più la biopsia?




Potrebbe rappresentare la nuova frontiera per l’indagine soprattutto a scopo preventivo di un eventuale neoplasia al seno, stiamo parlando della elastografia, una tecnica che utilizza gli ultrasuoni e sulla base di questi riesce a localizzare eventuali neo formazioni nonché la consistenza dei tessuti molli, la morfologia e la resistenza di eventuali noduli o cisti presenti nel seno.


Osteoporosi: combattiamola a tavola


L’osteoporosi non è una malattia, semmai una condizione clinica patologica, ovvero, espressione di una situazione venutasi a creare in un soggetto solitamente a seguito di intervenute situazioni contingenti, come, ad esempio avviene di fronte a certe malattieautoimmuni, anche per il ruolo esercitato da farmaci per controllare il disturbo, come accade col cortisone, così come tipica è quella condizione della donna una volta entrata in menopausa dove, a cause dello squilibrio ormonale vissuto da quel momento della vita in poi, l’osteoporosi diventa un fatto quasi ineluttabile.

lunedì 26 marzo 2012

Reflusso gastroesofageo: a volte deve intervenire il chirurgo


Qualcuno si chiederà come mai una patologia sicuramente di pertinenza medica possa riguardare anche l’ambito relativo alla chirurgia, come può accadere di fronte al reflusso gastroesofageo, un’affezione dell’apparato digerente caratterizzata da una ipersecrezione acida con risalita dei succhi gastrici dallo stomaco fino all’esofago a causa di un difetto di chiusura della valvola che mette in comunicazione sia lo stomaco che l’esofago, ovvero, il cardias.

Lupus eritematoso: in troppi abbandonano le cure


C’è un fatto importante che occorre osservare quando si parla di una delle più temibili e note malattie autoimmuni quale di fatto è il Lupus Ertitematoso. Ovvero, la constatazione che la cura nei confronti di questa patologia, sia pure non risolutiva ma in parte grazie all’apporto positivo dei farmaci biologici, foriera di buoni risultati clinici, viene dopo un certo lasso di tempo, abbandonata da un grande numero di pazienti.

venerdì 23 marzo 2012

Allattamento: quali farmaci escludere e quali no





Le mamme che allattano sanno bene di che si parla, basti pensare al fatto che di fronte ad una qualsivoglia malattia che le riguardi, nella necessità di dover assumere farmaci per curarla, il primo atteggiamento compiuto dalla mamma è quello di sospendere del tutto l’allattamento ricorrendo al latte artificiale per il proprio piccolo. Ma è sensato tutto ciò? Prima di ogni altra considerazione però, è d'obbligo un'avvertenza. Nessun farmaco va assunto senza aver prima interpellato il proprio medico, così come, durante l'allattamento solo il medico di famiglia e/o il pediatra sapranno fornire alla mamma le risposte giuste e, dunque, invitiamo tutte le donne che allattano e che sono costrette ad assumere farmaci, a rivolgersi al proprio medico. Premesso ciò, vediamo cosa dice la scienza a proposito dei farmaci che si possono assumere e quelli da escludersi nel corso della lattazione.

Cibi affumicati: c'è un certo allarme


A chi non piacciono i cibi affumicati, però, di fronte ad un cibo che abbia ricevuto un trattamento di affumicatura, la domanda che ci si dovrà porre è la seguente? Siamo certi che tali cibi, in questo modo trattati, non nuocciano alla nostra salute?


giovedì 22 marzo 2012

Allattamento: un semplice farmaco antinausea per allattare di più



Il nome di questa classe di farmaci non è destinato a restare facilmente a mente, visto che parliamo di farmaci galattogoghi, ma forse se parliamo di alcune sostanze in grado di favorire la secrezione materna di latte, non saranno poche le neo mamme interessate all’argomento, visto che in epoca moderna si riscontra nelle donne che abbiano da poco partorito, una diminuzione della quantità di latte prodotta per il proprio piccolo.



Acufeni: cosa sono come si curano



Si chiamano acufeni e si parla di suoni, rumori, ronzii, di fatto in assenza di qualsiasi stimolo acustico reale in grado di generarli, che chi soffre di tali disturbi avverte nel totale silenzio da uno o da entrambe le orecchie.


mercoledì 21 marzo 2012

Tumore al seno: indispensabile la cura anche in gravidanza

Il tumore al seno, si sa, non risparmia neanche la donna in gravidanza, ma di fronte all’evidenza che oggi l’approccio diagnostico e terapeutico della grave neoplasia è molto cambiato ed in meglio, ne deriva che una donna in attesa di un figlio, se scopre di essere malata di tumore al seno non può assolutamente procrastinare i trattamenti contro la neoplasia attendendo la nascita del bambino, così come non dovrà prevedere un parto prematuro al fine di potersi curare e men che meno, ricorrere ad un aborto terapeutico pur di iniziare le cure. Eppure, fino a non molto tempo fa, questo veniva suggerito alla donna incinta che si accorgeva di essere ammalata di un cancro al seno, ma tutto è cambiato, per fortuna, vediamo come.

martedì 20 marzo 2012

Dieta del sondino: bufala o verità?


Una dieta all’apparenza  dalla riuscita quasi certa, se non fosse che il malcapitato di turno deve portarsi appresso uno zainetto dal quale fuoriescono un sondino che finisce  nelle narici, attraversa l’esofago e giunge fino allo stomaco. Insomma, parliamo della dieta del sondino che non sta risparmiando polemiche negli ambienti scientifici.

Mal di testa: si guarisce prima se la pillola è rossa


Se non fosse che lo studio è stato condotto da uno dei Centri anticefalee fra i più importanti al mondo, ci riferiamo New England Center for Headache di Stanford con a capo Randall Week, la notizia poteva sembrare uno scherzo nell’imminenza del primo aprile e invece ad avvalorare la serietà dello studio ha partecipato anche l’Istituto Besta di Milano mediante il proprio Centro cefalee. La notizia è che secondo gli studiosi riuniti, sia le dimensioni che lo stesso colore di una pillola contro il mal di testa, partecipano attivamente a farlo passare prima.

lunedì 19 marzo 2012

Cancro al seno: l'alcol rappresenta un importante fattore di rischio aggiunto


Il cancro al seno rappresenta un vero spauracchio per le donne di tutte le età. A poco serve sapere che oggi l’elevato livello raggiunto dalla diagnostica ha reso la neoplasia di più immediata diagnosi, così come la stessa cura è resa più facile e foriera di elevate speranze di guarigione. Insomma, finchè non si giungerà ad una cura definitiva del cancro al seno, la malattia rappresenterà per le donne una fonte di preoccupazione di non poco conto. Ciò giustifica anche l’allarme che certe notizie inducono quando, ad esempio si afferma che, anche il consumo moderato di alcol espone la donna ad un contestuale aumento, sia pure non elevato, di incorrere nel cancro al seno.

Menopausa: sempre più donne la considerano un periodo normale della vita


Le donne italiane cominciano a considerare la menopausa sempre meno una malattia rispetto a quanto facessero in passato e sempre più un fatto fisiologico del tutto normale. Lo dimostra il fatto che una donna su dieci considera il climaterio una normale fase della vita, poi ci sono addirittura le ottimiste che considerano questa fase della vita una buona esperienza. La pensano così tre donne su dieci. Anche l’informazione riguardo la salute della donna cresce con la consapevolezza che menopausa non significa un momento della propria esistenza in cui ci si debba ingozzare di farmaci.

sabato 17 marzo 2012

Leucemia linfatica cronica: nuovo farmaco molto promettente


Quando si parla di leucemia non sempre si specifica il tipo di malattia che interessa il diverso paziente, ciò per dire che non esiste una sola leucemia, ne esistono diverse forme anche in funzione all’età del paziente. Ad esempio, gli anziani sono interessati dalla cosiddetta leucemia linfatica cronica che ha un’incidenza di circa il 30% di tutte le forme di leucemia conosciute e per la quale oggi esiste una terapia aggiuntiva che risulta molto promettente ai fini della guarigione dalla malattia.


venerdì 16 marzo 2012

Caffè: rischio ictus ischemico dopo un'ora dall'assunzione


Brutte notizie per gli amanti del caffè, dopo una serie infinita di studi che dimostravano come la bevanda nera più amata degli italiani fosse salutare, adesso arriva la doccia fredda, anzi freddissima…. parrebbe infatti che entro un’ora dall’assunzione di un caffè si eleva in maniera significativa il rischio di andare incontro ad un infarto miocardico acuto, fino alla morte cardiaca improvvisa, almeno secondo recenti studi sull’argomento, così come, pur non essendo fino ad oggi stato definito il rischio, pare che il caffè potrebbe aumentare la possibilità di andare incontro ad un ictus ischemico nello stesso spazio temporale da quando abbiamo assunto  la bevanda.

giovedì 15 marzo 2012

Tumore alla vescica: con nuovo farmaco si guarisce sei volte su dieci



Il tumore alla vescica fa sempre paura, tuttavia qualche buona notizia relativamente alla cura di questa insidiosa neoplasia ci giunge dall’84esimo Congresso della Società Italiana di Urologia che ha riportato gli esiti di una sperimentazione clinica effettuata da ricercatori dell’Università Cattolica.


Peluria facciale: la donna baffuta non piace a nessuno! come curarsi?


Donna baffuta sempre piaciuta…… ma siamo sicuri che questo detto è apprezzato dalle donne? Pensiamo proprio di no, anzi, se una donna si accorge che cominciano a crescerle i baffi oppure una antiestetica peluria sul viso, tutto farà, meno che godere di questa nuova condizione. Eppure le donne “baffute” intendendo quelle che con la peluria al viso devono farci seriamente o in maniera meno impegnativa i conti sono ben nove milioni di nostre connazionali, un esercito di ragazze e signore impegnate a risolvere al più presto il problema.

mercoledì 14 marzo 2012

Epilessia: adesso curabile con un solo farmaco da prendere una volta al giorno


In Italia soffrono di epilessia qualcosa come mezzo milione di pazienti, per quanto oggi la malattia sia più facilmente controllabile, al punto che il paziente riprende già all’inizio delle cura una qualità della vita quanto mai normale, è purtroppo vero che di questa popolazione di pazienti, qualcosa come 150 mila persone dopo aver assistito ad un miglioramento clinico nei confronti della malattia, a distanza di qualche tempo, finiscono per non godere più dell’efficacia rappresentata dai farmaci utilizzati e verso i quali traevano benefici. Ma oggi le cose potrebbero cambiare anche per questo tutt’altro che trascurabile numero di pazienti, da quando è stata scoperta una nuova cura efficace nei pazienti di epilessia di nuova e vecchia diagnosi.

Sindrome di Down: domani potremo curarlo


Anche per la Sindrome di Down potrebbe profilarsi a breve una soluzione rappresentata da una potenziale cura che i ricercatori auspicano da qui ai prossimi anni. A darci questa bella notizia un gruppo di ricercatori dell’Istituto di genetica e biofisica “Adriano Buzzati Traverso” (Igb) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) coordinato da Alfredo Ciccodicola e condotto da Valerio Costa, ricercatori dell’Igb-Cnr di Napoli, che hanno pubblicato gli esiti del loro studio sulla rivista scientifica Plos ONE.

martedì 13 marzo 2012

Morte improvvisa: scoperta la vera causa negli anziani non cardiopatici


Quante volte abbiamo appreso della morte improvvisa di una persona anziana che non aveva nessuna particolare patologia cardiovascolare e che viveva in apparente buono stato di salute, eppure ciò non è bastato per evitargli il decesso. Sicuramente le congetture sulle motivazione di questa morte improvvisa non sono mancate, ma oggi gli studiosi riescono a spiegarsi le motivazioni che potrebbero star dietro ad una morte inaspettata di una persona sana ma un po’ avanti negli anni.

lunedì 12 marzo 2012

Yogurth: ecco perchè fa veramente bene


Che lo yogurth faccia bene nel ripristino della cosiddetta flora batterica intestinale e dunque partecipa nel miglioramento delle attività digestive, soprattutto quando si assiste al depauperamento di detta flora a seguito dell’uso di antibiotici, lo sappiamo da almeno venti anni. Si tratta di capire semmai perché tale alimento  partecipa al benessere dell’organismo, ovvero, come si può spiegare tale beneficio per la salute che lo yogurth detiene?



Cancro al rene: ammessa una qualche relazione con i tradizionali antidolorifici


Il rischio parrebbe fondato, ciò non toglie che lo studio che ha sollevato il caso, parliamo del lavoro scientifico pubblicato sugli Archives of Internal Medicine, non dovrà gettare nello sconforto gli assuntori di farmaci antinfiammatori non steroidei, i cosiddetti fans, che oltretutto non vengono minimamente criminalizzati dagli scienziati. Semmai sarebbe più corretto affermare, che l’uso continuo ed in grande quantità di questi farmaci potrebbe esporre l’organismo ad un cancro al rene.

sabato 10 marzo 2012

Orticaria: qual è la migliore terapia per curarla



Se qualcuno ancora immagina che l’orticaria, potendosi ascrivere almeno per quanto attiene i sintomi, alle allergie, debba rispettare una propria stagionalità e, dunque, manifestarsi per lo più in primavera come accade con tante altre allergie , si sbaglierebbe, non è così…. Oltretutto l’orticaria è un fenomeno riconducibile ad una moltitudine di cause tanto diverse fra di loro che non è possibile collocarla precisamente in un periodo dell’anno, anche se recenti studi ammettono che incorrere in tale affezione possa essere più frequente nella stagione fredda, dunque d’inverno piuttosto che in primavera o estate, i soggetti predisposti possono andare incontro al fenomeno.

venerdì 9 marzo 2012

Allergie nei bambini: attenzione anche agli eccipienti dei farmaci


Quale genitore può dire di non aver avuto difficoltà a somministrare una pillola o uno sciroppo al proprio figlio in preda ai capricci del pargolo disgustato dal farmaco ritenuto di sapore e odore sgradevole? Forse non esiste nessun papà o mamma che non abbia avuto un’esperienza del genere e proprio per venire incontro alle esigenze dei piccoli pazienti, le industrie farmaceutiche si sono da sempre adoperate al fine di “indorare” in qualche modo l’ “amaro calice”! ma si può sicuramente ammettere che tale procedura è del tutto esente da rischi?

mercoledì 7 marzo 2012

Aulin: nuove limitazioni per la Nimesulide



Quando fu presentata sul mercato, la Nimesulide, che tutti conosciamo meglio col nome commerciale di Aulin, parliamo di qualcosa come venticinque e più anni fa, si ebbe l’impressione di trovarsi di fronte ad una sorta di panacea contro tutti i dolori osteoarticolari, comprese quelle manifestazioni dolorose croniche o transitorie dove il farmaco svolgeva e svolge ancora, valida azione come analgesico. In effetti la Nimesulide non ha mai tradito l’antico compito di fans avanzato, solo il tempo però è riuscito a dimostrare che la molecola non era per nulla scevra da effetti collaterali anche di un certo impegno.


Gioco d'azzardo: in Italia è malattia sociale

Epidemia sociale, fenomeno che diventa patologia, speranza di una vincita che diventa malattia sempre più diffusa: che il gioco d’azzardo crei dipendenza e rischi di mandare in rovina tantissime persone è ormai una consapevolezza diffusa. Tanto che il Ministro Riccardi arriva a ipotizzare un divieto di pubblicità.

domenica 4 marzo 2012

Morbo di Parkinson: scoperta nuova forma


Può un nutriente come il manganese, necessario nel metabolismo di proteine e zuccheri e dunque partecipare alla giusta formazione di ossa e muscoli, provocare una particolare forma di Parkinson?

venerdì 2 marzo 2012

Intolleranze alimentari: e se avessero i giorni contati?


Sono decine di migliaia le persone in Italia affette da intolleranza alimentare, persone che di fronte ad un succulento cibo gradito ai più, devono rinunciarci per scongiurare il rischio di andare incontro a penose sofferenze. Molto meno drammatica la situazione che si palesa in quegli individui che sono intolleranti alle proteine del latte, ma sicuramente non meno degna di nota se si considera il ruolo che tale alimento determina nel benessere dell’organismo. Dovranno dunque gli intolleranti privarsi a vita del loro piatto preferito o del primo alimento? A giudicare dagli esiti di uno studio del CNR, parrebbe il contrario, le intolleranze alimentari potrebbero avere i giorni contati.

Farmaci antinfiammatori: l'uso prolungato ed eccessivo causa ictus



Altra doccia fredda per coloro che assumono troppi farmaci con estrema leggerezza. L’uso continuo ed eccessivo di antinfiammatori, siano essi i tradizionali fans, a partire dall’Aspirina, siano essi i fans di ultima generazione, gli inibitori selettivi della Cox-2, potrebbero indurre nel tempo non solo malattie gravi come l’ictus e l’infarto, ma anche vere  e proprie turbe del ritmo, come accade con la fibrillazione atriale.