giovedì 31 gennaio 2019

La nuova pelle rigenerante: Terminator insegna!




Chi non ricorda la pelle intercambiabile di Terminator nelle diverse serie di film che si sono avvicendate nel tempo. Certo, solo fantascienza ed effetti cinematografici, d'accordo, ma se dalla fantascienza si giungesse alla realtà? Se riuscissimo ad immaginare una pelle da cyborg in grado di ricomporsi, risanandosi in pochi secondi quando qualcosa l'ha danneggiata?


Epilessia: nuove acquisizioni scientifiche e nuovi farmaci per il controllo totale delle crisi





Non si parla molto di epilessia, in molti la nascondono e in tanti non fanno sapere agli altri che il proprio figlio ne soffre. Sarà dovuto al fatto che questa malattia, che riguarda circa mezzo milione di persone in Italia, paga il retaggio che che in passato associava l'epilessia a qualcosa di misterioso, quasi stregonesco, qualcosa che non puoi controllare con la mente è qualcosa che appare come pericolosa ed in effetti se non esistessero le cure l'epilettico vivrebbe una vita in pericolo, anche per gli incidenti cui potrebbe andare incontro, fatto sta che questa malattia incute ancora timore, molto timore. Eppure di epilessia si guarisce e oggi con le nuove acquisizioni mediche non solo si riescono a contenere le crisi nel cento per cento dei casi, ma molto presto con le nuove tecniche potremmo aggiungere nuove tasselli nella cura definitiva della malattia.



mercoledì 30 gennaio 2019

Anestesia generale nei bambini piccoli: può avere effetti sullo sviluppo del loro cervello?




Soprattutto chi ha bambini piccoli sa bene l'ansia che pervade i genitori di fronte alla necessità di dover ricorrere ad un intervento chirurgico cui sottoporre il proprio figlio in età prescolare. Spesso non è neanche l'entità dell'intervento operatorio a spaventare, quel che atterrisce più di tutti è il solo pensiero di dover sottoporre ad anestesia generale il proprio piccolo.


martedì 29 gennaio 2019

Listeriosi: i modi per evitare di infestarsi anche in casa



Premesso che non c'è nessun allarme listeriosi, tuttavia l'Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha ugualmente posto il dito sull'aumento dei casi di infezione dal batterio Listeria monocvtogenes responsabile di gastroenteriti con conseguenze anche gravi in soggetti affetti da multipatologie, soggetti immunodepressi, anziani e neonati.

lunedì 28 gennaio 2019

Diabete: basta insulina con la siringa, un' invenzione italiana cambia la vita del diabetico






In questa prima fase il nuovissimo sistema che presto sarà in uso ai diabetici è riservato solo ai quei pazienti affetti da diabete tipo 1, quello che un tempo era definito diabete giovanile. Ma non è escluso che l’inedito sistema prima o poi non si possa utilizzarlo anche per i diabetici di tipo due. Ma di cosa si tratta, quale rivoluzionario sistema renderà qualitativamente eccellente la vita del paziente diabetico?



L'uovo senza gallina: non è uovo è un intruglio vegetale per i vegani e basta



I vegetariani, ma molto di più i vegani, fanno sentire la loro voce come fossero un partito politico scagliandosi ad ogni piè sospinto sulle scelte di chi ritiene che l’alimentazione umana debba essere onnivora.

Va benissimo ritenere che per scelte etiche e personali si scelga di non cibarsi della carne, come fanno i vegetariani, continuando ad alimentarsi dei prodotti degli animali, uova, latte, latticini, va pure bene che altri più estremisti, come i vegani, scelgano di tenere al bando oltre la carne anche uova e tutto ciò che viene prodotto degli animali, ma purché sia una loro scelta non imposta a tutto il genere umano, additando coloro che vegani non sono come assassini e insensibili di fronte ai guasti del pianeta. Eppure in Italia secondo i dati Eurispes i vegetariani non raggiungono neanche il 5% della popolazione, mentre i vegani sono appena il 3%, eppure quando parlano i vegani sembra lo facciano a nome di tutti gli abitanti della terra. Al punto che, di fronte ad un’invenzione dell’Università friulana che avrebbe brevettato un intruglio tutto vegetale dalla sembianze di un uovo e dalle proprietà organolettiche simile all’uovo, ma questo lo dicono ovviamente soltanto loro, riescono a parlare di uovo vegano, come si trattasse di una sottospecie di prodotto che in natura esiste già.



domenica 27 gennaio 2019

Farmaci per abbassare il colesterolo contro il tumore al seno: la scienza dice si!




Due studi scientifici effettuati entrambi in Europa le cui conclusioni sarebbero avvenute a distanza di tre anni l’uno dall’altro, avrebbero evidenziato un dato importante. L’uso delle statine, i noti farmaci utilizzati per abbassare i tassi di colesterolo nel sangue, avrebbero un ruolo protettivo contro il cancro, fatto questo già evidenziato in precedenti studi, ma,nello specifico, tale ruolo sarebbe ascritto anche al cancro al seno.

sabato 26 gennaio 2019

Ma dove vai se le bacche non ce le hai? Erbe, aromi e frutti esotici, padroni sempre più in cucina!




Non importa se costano al chilo più del filetto, se poi hanno pure quel tocco di esotico che fa tanto tendenza, meglio ancora. Insomma, gli italiani faranno pure fatica ad arrivare alla fine del mese, gli italiani saranno piagnucolosi quando ricordano che ci sono milioni di disoccupati e di persone indigenti, ma guai a toccar loro le mandorle, la quinoa, i mirtilli, il farro e lo zenzero. Non ci credete? Provateci e altro che gilet gialli, qui scoppia la rivoluzione!



giovedì 24 gennaio 2019

Tumore al seno: sei sicura di sapere tutto su questa temibile patologia?


Siamo veramente sicuri che le donne sappiano tanto di uno dei tumori più

diffusi nell’universo femminile come quello al seno? Se sei una donna, sai nel 2017 quanti nuovi casi di tumore al seno si sono verificati in Italia? Sai fare una autopalpazione efficace e sai se il tumore al seno è una neoplasia guaribile e prevenibile? Probabilmente sai rispondere a tutte le domande, ma una buona fetta della nostra popolazione non sa quasi nulla del tumore al seno, come dimostra un sondaggio condotto dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) volto a stabilire il grado di preparazione delle donne rispetto a questa temibile e grave malattia oncologica.

Dolore da neuropatia? Mettiti a dieta subito!




Esiste un dolore subdolo, silenzioso perché non sempre si riesce a comprendere, di primo acchito, cosa vi sia alla base di questo che per certi versi è un fastidio, per altri una sofferenza vera e

propria, perché chi ne è affetto riferisce spesso di avvertire un dolore vivo, urente, come se ci si scottasse con la piastra calda di un ferro da stiro. Parliamo del dolore neuropatico. Questa che può essere una vera e propria patologia anche a se stante è tanto impegnativa da curare quanto frustrante per medici e pazienti perché il dolore neuropatico non sempre è attivato da un’infiammazione, da una patologia sottostante che ne giustifica la sensazione algica. Molto spesso sono le stesse fibre nervose a trasmettere lo stimolo doloroso senza motivo o ad esasperare la sindrome dolorosa a fronte di un impegno patologico d’organo di rilevanza minore.


mercoledì 23 gennaio 2019

Morbo di Alzheimer: vicini al vaccino che lo sconfiggerà




E se parlando del Morbo di Alzheimer fossimo ad un passo dallo scoprire un vaccino preceduto da un apposito test in grado di ritrovare la patologia prima che si manifesti con i sintomi che la caratterizzano e fossimo con questa metodica in grado di sconfiggerla definitivamente? Scienza o sogni di chi ha a cuore la sconfitta definitiva di questa temibile patologia che, stando alle evidenze, si presenta con sempre maggiore frequenza e spesso anche precocemente?


martedì 22 gennaio 2019

Disturbi alimentari dei bambini: non solo anoressia e bulimia




Spesso i bambini a tavola fanno i capricci e questo è un fatto risaputo, ma individuare il confine fra i capricci e i veri disturbi alimentari che impediscono al piccolo di alimentarsi come dovrebbe, non è sempre facile, visto che parliamo di un argomento tanto delicato e tanto poco conosciuto, se consideriamo che sono ben sette gli italiani su dieci che hanno scarsa consapevolezza del problema, perché non adeguatamente informati dei disturbi alimentari. Eppure tali problematiche esistono eccome e non sono solo le più note, ad esempio l’anoressia, ma tante altre che si conoscono spesso molto poco.



lunedì 21 gennaio 2019

Sempre più riso e sempre meno pane e pasta: gli italiani cambiano i loro gusti a tavola





La pagnotta, quella che nell’immaginario collettivo era simbolo di sopravvivenza, che per i nonni dei nostri nonni spesso rappresentava l’unico alimento a disposizione, quando riuscivano a procurarselo, perde oggi sempre più posizioni nella lista dei consumi degli italiani. Risultato, mangiamo molto meno pane di un tempo e senza scomodare i nostri trisavoli, basta guardare quanto accaduto in dieci anni per comprendere come il consumo di questo genuino alimento si sia dimezzato in un solo decennio e non è il solo alimento a perdere terreno…

domenica 20 gennaio 2019

Alcol, droga, abusi: tutti i pericoli dei ragazzi e dei bambini di oggi






Poche cifre, ma che danno bene il senso di quanto sta avvenendo in Italia a proposito dell’uso di sostanze stupefacenti da parte di giovani e giovanissimi insieme al consumo abituale da parte di quest’ultimi, di alcol, sigarette, farmaci ansiolitici o sedativi. Un quadro tutt’altro che roseo se solo consideriamo che i consumatori di queste sostanze sono poco più che bambini che non si rendono neanche conto, vista l’età, dei rischi cui stando andando  incontro. L’Italia ha questo triste primato rispetto a tutti gli altri Stati dell’Europa.

venerdì 18 gennaio 2019

Cosa fare per il cuore spezzato?





Quando il cuore si spezza, non sempre a causare la vistosa incrinatura è una delusione d’amore, spesso il cuore si infrange, con conseguenze ben più drammatiche, a causa di un infarto cardiaco, creando delle vaste zone di necrosi in alcuni casi dalla prognosi infausta. Riparare le aree infartuate non è possibile, la cura post infarto passa per altre strade, anche se, qualcosa potrebbe muoversi molto presto, “ricucendo” il cuore malato con un semplice cerotto!

Il consumo regolare di frutta e verdura rende attivo il cervello anche da anziani




Fin da bambini ci veniva ripetuto continuamente di mangiare frutta e verdura, un refrain inculcato da genitori, nonni e adulti in generale. Ma forse neanche coloro che ci istillavano queste continue pillole di saggezza si rendevano bene conto dell’importanza di ciò che asserivano, basandosi su esperienze empiriche non avvalorate al tempo da supporti scientifici. Oggi più che mai ad avvalorare l’assunto, più frutta, più benessere, ci pensa la scienza con uno studio dettagliato e durato nel tempo che afferma come il consumo regolare di frutta e verdura migliori le performance cognitive nel tempo di chi si alimenta in questo modo, rallentando significativamente il decadimento cognitivo negli anni.

giovedì 17 gennaio 2019

Morbo di Alzheimer: nuova molecola apre la strada a nuove cure




La ricerca volta ad una cura definitiva contro il Morbo di Alzheimer è in fase avanzata e galoppante. Da qui a ritenere che siamo vicini ad una soluzione definitiva sarebbe azzardato e poco serio. C’è però da segnalare un intervento del tutto inedito volto, se non a guarire dalla malattia, almeno a ritardarne l’esordio sopratutto rallentandone i sintomi. Lo studio è italiano e stride non poco con la decisione della Casa farmaceutica Pfizer di abbandonare ogni tipo di ricerca medico scientifica contro il Morbo di Alzheimer. Ma lo sconforto che aveva sortito tale decisione da parte del colosso farmaceutico Pfizer non deve assolutamente far ritenere che non si investa e non si studi contro questa subdola e insidiosa malattia dei nostri giorni.

Bambini italiani sempre più pantofolai: uno studio ci mostra come i piccoli amino la sedentarietà



Cambiano i tempi, così chi immagina bambini correre per i parchi desiderosi di una giornata di sole per dare sfogo alla loro voglia di scatenarsi in giochi all’aria aperto, in corse per i prati e quant’altro comune ai bambini in età scolare dovrà abituarsi sempre di più a vedere sempre più pargoli davanti ad uno schermo, che sia tv, pc, smartphone poco importa, quel che veramente importa che la vita sedentaria pare iniziare molto prima nei bambini della nostra epoca.




mercoledì 16 gennaio 2019

Di cosa si muore? di infarto sopratutto, un video ci aiuta a capire i segnali più pericolosi




Sbagliato pensare che nel mondo occidentale si muoia prevalentemente a causa del cancro e successivamente a seguito di malattie cardiovascolari. Il cuore, nelle cause di morte al mondo, è al primo posto, seguito dal cancro e da eventi cerebrovascolari, come l’ictus al terzo posto. Una triste classifica ma che al contempo ci offre anche le linee guida per cercare di prevenire, quanto più possibile, quegli eventi cardiovascolari che fanno delle malattie ad essi connessi la prima

causa di morte al mondo, con il 44%, dati Istat, di tutte le morti, che nei fatti significa che su 100 mila abitanti i morti per eventi legati al cuore sono 148. Si muore quindi di infarto nel 28% delle morti in Italia, quindi il triste primato spetta anche all’Italia, a seguire troviamo le malattie neoplastiche e gli accidenti cerebrovascolari al terzo posto con una percentuale del 13%.

Un fascio di luce per guarirci: nuovi farmaci che agiscono solo dove servono




Che la medicina, insieme al progresso tecnologico e scientifico, stia diventando qualcosa che somiglia sempre di più alla fantascienza è risaputo, come risaputo è il fatto che fruitori di queste conquiste in ambito terapeutico saremo noi e le prossime generazioni in un mondo sempre più affrancato dalla sofferenza fisica e psichica, in un mondo in cui la gestione della cura e del dolore non verrà risolto con un mix di farmaci in grado di agire su una pluralità di organi per poi raggiungere il bersaglio da curare, con tutti gli inconvenienti del caso, ma in grado di agire solo dove serve e quando serve. Un esempio per tutti, può partire anche da un semplice mal di denti. Prendendo una pillola, come si fa oggi, il farmaco migra per tutto il corpo prima di raggiungere l'obiettivo da curare. Domani la stessa pillola si attiverebbe solo sull'organo malato e si dissolverebbe finito il compito che si era prefisso, come se non fosse mai esistito.



martedì 15 gennaio 2019

Supplementi di Omega 3 e vitamina D: non aiutano a scongiurare il cancro e l'infarto




Ma come, ci hanno bombardato ad ogni piè sospinto sulla necessità, quasi imprescindibile di fare bisboccia di integratori di acidi grassi omega-3, aggiunti alla vitamina D. Ci hanno frastornato la mente ricordandoci il ruolo strategico di queste sostanze, da reperire non solo in natura, ad esempio nel pesce, ma ancor meglio sotto forma di preparati, abilmente commercializzati da apposite industrie al fine di contrastare in maniera efficacissima il cancro e le malattie cardiovascolari e ora che succede? Non è scientificamente vero tutto ciò? Assumere regolarmente tali sostanze non serve proprio a niente?


Scie chimiche: la fake news che resiste al tempo!




Da una parte forse la paura di essere sopraffatti da qualcosa di misterioso che proviene dall’alto, da una parte l’idea di dover credere a tutti i costi a fonti che non sono convenzionali e per questo forse più suggestive, fatto sta che da più di vent’anni va avanti, nonostante le smentite, nonostante si sia ben capita la motivazione che sta alla base di questa legenda metropolitana, la sonora bufala delle scie chimiche (chemical trails). La cosa comica è che anche fra gli scranni della politica qualcuno con questa sonora idiozia ha partecipato a costruirsi un discreto successo politico e ha trovato in qualche boccalone un discreto seguito.


lunedì 14 gennaio 2019

Possibile un legame tra depressione e malattie autoimmuni





Ma è possibile che chi è ammalato di depressione, oltre a doversi barcamenare con questa impegnativa patologia, debba anche correre il rischio di ammalarsi di malattie autoimmuni ed in particolare lupus eritematoso sistemico (LES), una delle più gravi malattie autoimmuni che oggi si conoscono? Se lo son chiesti gli studiosi, anche perché studi del passato avevano in qualche modo sollevato questa possibilità. Il risultato non è molto incoraggiante, pare infatti che esiste una correlazione fra la depressione e l’insorgere delle malattie autoimmuni.

domenica 13 gennaio 2019

Epatite E: Il virus può annidarsi anche nelle nostre tavole


Quando si parla di epatite siamo soliti contrassegnare il tipo di 

infiammazione al fegato utilizzando cinque lettere dell’alfabeto, la A, la B, la C, la D, la E. Quest’ultima forma l’abbiamo spesso associata al consumo di frutti di mare allevati in condizioni igieniche precarie e privi di controlli sanitari adeguati, ma sopratutto siamo stati spesso indotti a credere che il pericolo di

ammalarsi fosse remoto in quanto il contagio avveniva in lontane località dove il consumo di acqua da bere poteva rappresentare in sé un problema, atteso che il virus alberga in acque inquinate. Per porre riparo a questo rischio, bastava ricorrere alla classica e sicura bottiglia di acqua minerale. Ma un recente studio dell’EFSA, l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare, ha puntato i riflettori anche su certe abitudini alimentari che ci riguardano moto da vicino.

sabato 12 gennaio 2019

Addio alla pancetta: alle donne adesso fa schifo




C’era un tempo in cui si dice che le donne fossero attratte dall’uomo con la pancetta,
sarà che quella protuberanza evocasse nella donna un senso di protezione, non foss’altro per il fatto che, normalmente, l’uomo con la pancetta è quello che, almeno nell’immaginario collettivo, ha realizzato i propri traguardi e se li gode riducendo eventuali altri sforzi che magari potrebbero attentare al volume della pancetta. Insomma, c’era un tempo in cui le donne venivano attratte dalla pancetta maschile. Ma attenzione, così pare non essere più.



venerdì 11 gennaio 2019

Amanti del tè, delle tisane e del miele? Attenzione ai rischi che correte!




Se vi piace il tè in grandi quantità e non disdegnate neanche i tanti infusi a base di erbe e, perché no, non vi tirate indietro di fronte a quegli integratori alimentari a base di piante, vi occorrerà sapere che correte qualche rischio nel medio lungo termine per la salute.




mercoledì 9 gennaio 2019

Anziani e animali: un legame sempre più indissolubile




Un mondo che sta cambiando e per fortuna in meglio, basti pensare che  poco meno di 4 anni fa, quasi quattro anziani su dieci avevano un animale da compagnia in casa.Ma uno sguardo allo scorso anno ci dimostra di come la percentuale si sia elevata al punto che oltre un anziano su due ha un compagno animale in casa e non per forza a quattro zampe. Segno tangibile che più si va avanti negli anni e più sentita è la necessità di circondarsi di un amico, diciamo così “peloso”.


Tatuaggio all'hennè: attenti alle allergie e alle dermatiti a volte gravi




 Il vantaggio dei t
atuaggi all’hennè è rappresentato dal fatto che sono facili da asportare, quindi, non sono definitivi come quelli tradizionali e, poi, cosa tutt’altro che indifferente, sono indolori quando si applicano. Ma per questo possiamo sostenere che sono innocui per la salute? A giudicare dai rimedi da utilizzarsi contro i danni da questi tatuaggi parrebbe proprio di no, al punto che questo tipo di tatuaggio rappresenta la causa maggiore, in età pediatrica e adolescenziale che poi coincide con la moda imperante per queste fasce d’età, di dermatiti da contatto, con tutto ciò che ne consegue, prurito, bruciore, bolle, febbre.


martedì 8 gennaio 2019

Prima colazione degli italiani: ma quanti errori che facciamo!




Sappiamo veramente tutto della prima colazione al mattino? Forse no, visto che i dubbi sono tanti, a cominciare dalla scelta se lasciarsi andare ad una colazione salata o dolce, se conviene saltarla, abitudine questa riservata al 7% della popolazione italiana, o limitarsi a qualche bevanda e null’altro. Appare interessante quindi l’indagine realizzata dalla Doxa e dall’Aidepi, l’associazione che racchiude le industrie dolciarie e della pasta in Italia.

lunedì 7 gennaio 2019

Pazienti allergici: fuori controllo il numero fra poco più di un decennio




Se ci si riflette, paragonando il numero di persone allergiche oggi a quelle di un trentennio fa, ci si accorge che i pazienti in cura per le allergie sono aumentati di numero in modo vertiginoso. E' ovvio che in tre decenni migliorano anche i metodi di indagine e relativa diagnosi di malattia al punto che molti in passato, pur essendo allergici, sfuggivano alla diagnosi, ma la verità è anche un'altra ed è tutt'altro che incoraggiante. I casi di allergia oggi sono aumentati in modo esponenziale coinvolgendo soggetti che in altra epoca, probabilmente, non si sarebbero ammalati. Di chi la colpa? Dell'inquinamento, in primis, dei cambiamenti climatici in seconda battuta.



sabato 5 gennaio 2019

Sono inutili gli integratori? A volte si altre no, ma il problema resta!




Certo che se un giorno scoprissimo che gli integratori alimentari sono prodotti completamente inutili, bisognerebbe lo stesso dar atto ai produttori di queste sostanze di aver fatto una incisiva campagna di marketing negli anni che ha dato, eccome, i suoi frutti. Basti pensare che secondo un’indagine di GFK per Federsalus, in un solo anno un italiano su due ha utilizzato un integratore, tant’è che le vendite si sono posizionate ben oltre i 32 milioni di pezzi venduti all’anno.


venerdì 4 gennaio 2019

Caffè: chi ha detto che fa male, anzi, allunga la vita






Buone notizie in tema di caffè, chi beve caffè campa 100 anni, si potrebbe dire, ovviamente così non è, ma uno studio recente avrebbe dimostrato che il regolare consumo di caffè, associato ad una dieta mediterranea, ben si associa ad una riduzione della mortalità per tutte le cause sopratutto nei soggetti che abbiano superato i 55 anni di età.