martedì 22 gennaio 2019

Disturbi alimentari dei bambini: non solo anoressia e bulimia




Spesso i bambini a tavola fanno i capricci e questo è un fatto risaputo, ma individuare il confine fra i capricci e i veri disturbi alimentari che impediscono al piccolo di alimentarsi come dovrebbe, non è sempre facile, visto che parliamo di un argomento tanto delicato e tanto poco conosciuto, se consideriamo che sono ben sette gli italiani su dieci che hanno scarsa consapevolezza del problema, perché non adeguatamente informati dei disturbi alimentari. Eppure tali problematiche esistono eccome e non sono solo le più note, ad esempio l’anoressia, ma tante altre che si conoscono spesso molto poco.



Certo l’anoressia è quel disturbo che più di altri ci impressiona perché l’associamo spesso a delle immagini di pazienti che suscitano in noi sconcerto e pietà. Stessa cosa se parliamo della bulimia. Eppure se gli italiani sono scarsamente informati su queste due condizioni patologiche, quanto ne sappiamo dei disturbi da alimentazione evitante e restrittiva? Quanto siamo a conoscenza che l’età di insorgenza dei disturbi alimentari in genere si è molto abbassata e non coinvolge soltanto gli adolescenti ma anche i bambini di otto, dieci anni d’età, mentre nel complesso in Italia a soffrire in generale di questi disturbi sono ben tre milioni di ragazzi e ragazzini?



Secondo uno studio effettuato da Nutrimente Onlus, quasi il 70% degli italiani non ha adeguata conoscenza dei disturbi alimentari e quindi non sa come comportarsi di fronte a queste patologie. Questo non è un problema da poco se si considera il ruolo fondamentale che hanno proprio i genitori nell’affrontare e cercare di risolvere il problema anche con la scelta del giusto medico che individui la patologia con la giusta diagnosi. Quindi, non solo scarsa conoscenza del problema da parte degli adulti e quindi totale impossibilità a distinguere un problema nutrizionale da quello solo di natura psicologica, a giudicare dallo studio, visto che il 68% degli adulti non è in grado di discernere il problema nutrizionale da origine organica o da derivazione psicologica. Ne deriva, che quasi un italiano su sei non sa a chi rivolgersi.

In un contesto sociale basato sulla performance e alte aspettative, in cui magrezza equivale a successo, non è facile, soprattutto per i genitori di un adolescente, far passare messaggi basati sull’accettazione di diverse corporeità e di una flessibilità anche nell’alimentazione– afferma la psichiatra Sara Bertelli, presidente dell’associazione Nutrimente Onlus – Sarebbe utile per genitori, nel momento in cui si rendono conto della sofferenza che stanno vivendo i propri figli, chiedere aiuto il prima possibile a specialisti esperti. Nel caso in cui il figlio/a non sia disponibile ad andare da uno specialista o in una struttura, possono cercare di dare loro per primi supporto, in modo da aiutare il figlio/a ad esprimere il proprio disagio allo specialista competente”.



Nessun commento:

Posta un commento