venerdì 14 giugno 2013

Crisi economica: suicidi, depressioni e malattie infettive causate dalla recessione





Lo studio scientifico condotto dal British Medical Journal ha riguardato la Spagna con la sua gravissima crisi economica, ma analoga situazione potrebbe riguardare anche l’Italia, che sta vivendo uno dei periodi più recessivi e drammatici per l’economia e la società in genere dalla sua unità fino ai giorni nostri. Secondo l’autorevole rivista medica, le politiche restrittive economiche attuate in Spagna potrebbero causare un vero e proprio smantellamento del Sistema Sanitario Nazionale che si ripercuoterebbe come una mannaia sulla salute dei cittadini spagnoli e non solo…

Secondo lo studio inglese tale situazione nei confronti della Sanità spagnola causerebbe un aumento di malattie come l’Aids e la tubercolosi, oltre ad un azzeramento della prevenzione con conseguenze drammatiche nel tempo sulla salute dei cittadini, tale ultima preoccupazione è stata sottolineata dal quotidiano nazionale El Pais. 

-->
Martin McKee, professore di Salute Pubblica Europea alla London School of Hygiene & Tropical Medicine e membro dell’equipe di indagine, si è così espresso sulla connessione di politiche finanziarie e sanitarie in Spagna: Durante cinque anni, le politiche per risolvere la crisi finanziaria si sono basate solo su indicatori economici. Il nostro lavoro getta una luce sul carico di sofferenza umana che hanno implicato queste politiche L’indagine spiega come i tagli, del 14% a livello nazionale e del 10% a livello delle comunità autonome, hanno prodotto un incremento della domanda di cura, in particolare da parte di anziani e indigenti.

C’è anche da dire che il clima di crisi economica ed aumento della disoccupazione, esasperato anche dalle notizie ad esso correlato, sta generando tutta una serie di malattie di ordine psicologico e mentali caratterizzate da malattie quali depressioni, connesse con alcolismo e suicidi,  Helena Legido-Quigley, altra firma dell’indagine medica, ha sottolineato che i continui tagli in un clima di sfiducia generale implicano un’aggravante. Come in Grecia, gli ammalati potrebbero incominciare a manifestare resistenza ad assumere farmaci e a ricevere cure.

-->
Infine, lo studio del British Medical Journal, si chiude segnalando che i nuovi tagli a lavoro e pensioni potrebbero provocare rischi di salute ulteriori per una collettività già molto vulnerabile.

Nessun commento:

Posta un commento