martedì 28 febbraio 2012

Gravidanza: sempre più alta la frequenza di ictus


Tutti sappiamo la gravità di una patologia come di fatto è l’ictus, nell’evidenza degli eventi che si verificano a seguito di questo stato, fino a giungere alla morte nei casi più gravi. Forse sappiamo meno che l’ictus non è solo appannaggio delle persone anziane o soggetti a particolare rischio di incorrervi. Al contrario, un po’ a sorpresa apprendiamo che l’ictus si va diffondendo con una certa rilevanza anche fra le donne in gravidanza, fatto questo in parte inedito rispetto al passato.

La conferma ci viene dall’America dove si è assistito ad un numero non solo cospicuo di donne in gravidanza colpite dall’evento ictus, ma, addirittura a rendere più preoccupante la situazione è l’apprendere che il numero di donne gravide che ogni anno vengono colpite da ictus è in netto aumento. Tant’è che se nel periodo compreso fra il 1994 ed il 1995 oltreoceano si sono verificati 4.085 casi di ictus in donne che aspettavano un bambino, nel periodo fra il 2006 e il 2007 il numero è giunto a 6.293 nuove pazienti che si aggiungono no alla lista nera.
Si tratta di capire come sia possibile che donne giovani possano andare incontro ad eventi tanto gravi senza aver mai accusato alcun segno premonitore del problema. Oggi i medici non hanno dubbi, a far aumentare il rischio concorrono diversi fattori, l’obesità, in primis, ma anche il diabete e l’ipertensione arteriosa che colpisce tali donne,  situazioni patologiche queste che spesso oltretutto vanno pure a braccetto fra di loro.


La Stroke Association si e' detta "molto preoccupata per il forte aumento". Lo studio ha confrontato i dati di oltre 1.000 ospedali nel 1994-95 con quelli del 2006-07. Durante la gravidanza, la proporzione di donne colpite da ictus e' aumentata del 47 per cento. Elena Kuklina, ricercatore capo del US Centers for Disease Control and Prevention, ha dichiarato: "Sono sorpresa per l'entita del fenomeno. I risultati indicano un bisogno urgente di approfondire le analisi per capire le ragioni piu' da vicino".Secondo i ricercatori due condizioni (ipertensione e malattie cardiache) spiegano la quasi totalita' dell aumento degli ictus dopo la nascita. "Sono sempre piu' numerose - ha spiegato la dottoressa Kuklina - le donne che entrano in gravidanza gia' con qualche tipo di fattore di rischio per l'ictus, come l'obesita', l'ipertensione cronica, diabete o malattie cardiache congenite. Poiche' la gravidanza di per se' e' gia' un fattore di rischio, se avete uno di questi altri fattori di rischio ictus, il rischio si raddoppia". Molte di queste condizioni sono anche in aumento nel Regno Unito.

Nessun commento:

Posta un commento