giovedì 24 maggio 2012

Farmaci antidiabetici: alcuni a rischio cancro?


Farmaci antidiabete che provocano il cancro? La notizia è scioccante, se si pensa la diffusione che i farmaci che combattono il diabete hanno nella popolazione, ma il fatto più inquietante è che tali sostanze farmacologiche sono state addirittura sospese dall’Agenzia francese del farmaco, quale di fatto è l’Afssaps.

Parliamo di quei farmaci a base di pioglitazone, un principio attivo che viene utilizzato da quei diabetici che sono oltretutto in sovrappeso. A segnalare la notizia è stata l’importante Associazione dei Consumatori, Aduc.

Secondo quanto si sarebbe appreso, tale molecola sarebbe responsabile dell’insorgenza di casi di neoplasia alla vescica, secondo quanto riportato anche da uno studio effettuato su un milione e mezzo di pazienti diabetici esaminati, il 10% dei quali utilizzatori del pioglitazone dove si è visto che l’eventualità di un cancro alla vescica aumenta del 22%, ma in qualche caso l’aumento si assesta al 75% laddove il trattamento col farmaco è più massiccio. Al 31 maggio, sono stati notificati all'Afssaps ben 46 casi di cancro alla vescica in seguito all'assunzione di questa molecola.

L'Aduc ricorda che l'Actos è stato autorizzato a livello europeo nel 2000 e Competact nel 2006. In Francia sono 230.000 gli assuntori di questi farmaci. Il consiglio dell'Agenzia, per questi pazienti, è di non smettere di prendere questi farmaci e di consultare il proprio medico per le necessarie verifiche. I medici, intanto, non devono più prescrivere farmaci con questo principio attivo. Già la Food and Drug Administration americana (FDA), lo scorso 17 settembre, aveva preannunciato questo rischio di cancro, rilevato a metà percorso di uno studio che sta durando 10 anni. I due farmaci, Actos e Competact, sono in commercio anche in Italia. Per questo l'Aduc sollecita il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, a seguire l'esempio dell'Afssaps e sospendere la prescrizione dei due farmaci.

Fonte: Help Consumatori

Nessun commento:

Posta un commento